Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Refurtiva su furgone rubato ad Appiano, 33enne arrestato dalla Polizia di Bolzano

lunedì, 14 settembre 2020

Appiano - Refurtiva su furgone rubato ad Appiano, la Squadra Mobile della Questura di Bolzano arresta un cittadino italiano di 33 anni.

polizia notte large controlliNella giornata di giovedì, il personale della Squadra Mobile della Questura di Bolzano ha sottoposto a fermo di polizia giudiziaria un cittadino italiano di origini albanesi di 33 anni, in quanto gravemente indiziato dei reati di riciclaggio e furto aggravato.

Nel dettaglio, gli uomini stavano svolgendo alcuni accertamenti su un furgone “Opel Vivaro” rubato ad Appiano il giorno di Ferragosto e che era stato presumibilmente utilizzato per commettere furti di biciclette di valore e monopattini elettrici, in particolare nel capoluogo.

La ricerca del mezzo era resa ancora più difficoltosa, perché, per ostacolarne l’identificazione, sullo stesso venivano continuamente applicate targhe rubate da altri veicoli: in tutto sono state 11 le targhe sostituite in poco più di 20 giorni. Nella giornata di giovedì, i poliziotti hanno rintracciato il furgone, che, come da modus operandi, presentava delle targhe rubate due giorni prima ad Egna.

A questo punto i poliziotti hanno bloccato il mezzo, identificando il conducente, S.V., cittadino italiano di 33 anni con precedenti di polizia a carico: sottoposto a controllo più approfondito, nel vano di carico sono stati trovati arnesi atti allo scasso e anche un monopattino rubato qualche ora prima in via Macello.

Nel corso dell’attività è stato recuperato anche un ciclomotore “Kymco”, rubato qualche giorno fa a Postal e in attesa di essere restituito al legittimo proprietario. All’esito l’uomo è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria e condotto presso la locale Casa Circondariale. Le indagini proseguono finalizzate al ritrovamento di altra refurtiva.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136