Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Picchiarono giovane bresciano per ragioni sentimentali, arrestato dai carabinieri

sabato, 20 giugno 2020

Chiari – Picchiarono giovane bresciano per ragioni sentimentali davanti a locale del Mantovano, arrestato dai carabinieri.
I fatti: era quasi mezzanotte del 12 giugno quando, per motivi presumibilmente riconducibili a problematiche sentimentali legate alla stessa ragazza, nel piazzale antistante il bar “Les Follies” di Casalmoro era scoppiata una lite tra due persone E.E.A.E. 22enne egiziano residente nella limitrofa provincia di Brescia ed un 20enne residente a Canneto sull’Oglio. La lite era degenerata ed il ragazzo egiziano, insieme ad altri complici, avevano accerchiato ed aggredito il malcapitato il quale veniva colpito ripetutamente con un machete e lasciato agonizzante a terra.

carabinieri notte controllo largeI primi ad intervenire furono i titolari del bar che soccorsero il malcapitato e chiesero l’intervento sia dei carabinieri che dei sanitari del 118. Il 20enne fu trasportato e ricoverato presso l’Ospedale di Castiglione delle Stiviere con “ferite multiple da taglio da aggressione fisica con anemizzazione”, mentre l’aggressore riportò una “frattura pluriframmentaria del metacarpo ed ampia ferita” e fu trasportato presso l’ospedale di Mantova.

I Carabinieri, a seguito di tempestiva e delicata attività d’indagine, avevano denunciato in stato di libertà l’egiziano per lesioni personali aggravate in concorso e richiesto all’Autorità Giudiziaria competente l’emissione dell’ordinanza per la custodia cautelare in carcere.

Ora i carabinieri della Stazione di Castel Goffredo, unitamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castiglione delle Stiviere e della Compagnia di Chiari (Brescia), in esecuzione dell’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale, hanno tratto in arresto E.E.A.E. per lesioni personali aggravate in concorso e atti persecutori. L’uomo è stato poi tradotto nel carcere di Brescia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136