Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Paratico: Michele Rinaldi non giudicabile per l’aggressione in azienda

martedì, 10 novembre 2020

Paratico – Il 22enne Michele Rinaldi non era capace di intendere e volere al momento dell’aggressione a un ex collega nello stabilimento di Paratico (Brescia) lo scorso 25 settembre. E’ l’esito della perizia, chiesta dalla Procura di Brescia ed eseguita dallo psichiatra Sergio Monchieri. La relazione è stata consegnata al sostituto procuratore Donato Greco che ha revocato la misura cautelare nei confronti del 22enne, accusato di tentato omicidio aggravato nei confronti di Simone Martinelli, 38 anni, che aveva riportato nell’aggressione gravi ferite, che si era salvato grazie alla prontezza di riflessi. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri l’aggressione era nata da vecchi rancori che il 22enne covava nei confronti del suo ex collega.

tribunale BresciaDopo la perizia psichiatrica il giovane non è più piantonato in ospedale, ma rimane nel reparto di Psichiatria del Civile di Brescia in attesa di essere ricoverato in una residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza e la destinazione potrebbe essere quella di Castiglione delle Stiviere (Mantova).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136