Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ortisei, latitante macedone arrestato dai carabinieri

sabato, 10 ottobre 2020

Ortisei – I Carabinieri di Ortisei arrestano uno scassinatore macedone. È finita ieri, grazie all’azione dei militari della Compagnia Carabinieri della località altoatesina, la latitanza di M.B., 53enne scassinatore macedone destinatario di un ordine di carcerazione emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bolzano.

Una ventina di false identità diverse, arrestato più di quindici volte, delinque dal 1994 nel campo degli stupefacenti e del patrimonio, una decina di condanne e quasi altrettante espulsioni dal territorio italiano. Un soggetto – in sintesi – di spiccata propensione a delinquere, pericoloso e molto abile a scomparire.

Dedito ai reati contro il patrimonio nel territorio della Provincia di Bolzano, nel 2018 era stato ripreso in volto da una telecamera di sorveglianza mentre era intento a commettere un furto in un’abitazione a Selva di Val Gardena. Colpito dal provvedimento dell’autorità giudiziaria di Bolzano, aveva fatto perdere le proprie tracce utilizzando pseudonimi e nomi falsi, al fine di eludere le ricerche delle forze dell’ordine.

Ciò nonostante, i militari dell’Arma hanno avviato un’attenta attività d’indagine, che ha permesso di restringere il campo delle ricerche alla zona di Merano dove, grazie a servizi mirati e pedinamenti, sono riusciti a individuare il bar frequentato dal catturando che è stato sorpreso nell’atto di prendersi un caffè.

Ai Carabinieri ha risposto in modo molto calmo, forse conscio del fatto che fosse giunto il momento di pagare il debito con la giustizia, affermando di essere sorpreso che fossero arrivati fin da Ortisei per a prenderlo.

L’arrestato è stato finalmente condotto presso la casa circondariale di Bolzano, dove sconterà la pena stabilita dall’Autorità Giudiziaria un anno e sei mesi di reclusione e 750 euro di multa.

I militari dell’Arma dei Carabinieri raccolgono con parsimonia e attenzione le informazioni sui criminali latitanti e sviluppano mirate attività info-investigative per riuscire a rintracciarli e assicurarli alle patrie galere. Moltissimi sono davvero difficili da trovare, se non impossibili, soprattutto se allontanatisi fuori dall’area Schengen e dell’Unione Europea. Mi chi ha un conto con la giustizia è sempre un importante obiettivo per i carabinieri.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136