Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Interventi, strade chiuse e disagi in provincia di Bolzano

martedì, 8 dicembre 2020

Bolzano – Bilancio di fine-giornata presso il Centro controllo situazioni della Protezione civile, dove la situazione sta lentamente tornando alla normalità. L’ondata di maltempo che, dalla giornata di venerdì, ha colpito l’Alto Adige, sta scemando e le precipitazioni stanno diminuendo un po’ ovunque, ma le situazioni critiche provocate da neve e pioggia non mancano. Passo Tonale neve - GdvDalla mezzanotte di oggi sono stati 50 gli interventi dei Vigili del fuoco volontari coordinati dalla Centrale provinciale di emergenza della Protezione civile, ai quali si aggiungono i 10 interventi del Corpo permanente, i 112 interventi sanitari e i 5 interventi di soccorso in montagna. 31 le slavine registrate in questi giorni, mentre sino alle ore 18 di questa sera erano ancora 2.900 le utenze prive di energia elettrica.

Ancora problemi per la circolazione ferroviaria

Rimane molto difficile muoversi in treno su tutto il territorio provinciale. A causa della frana del Virgolo, a Bolzano, è interrotta la linea del Brennero. Ha riaperto e viaggia regolarmente, invece, la linea della Val Venosta, mentre rimarrà chiusa presumibilmente sino a giovedì 10 dicembre la linea della Val Pusteria, dove i collegamenti sono coperti da un servizio di autobus sostitutivi. Sempre a causa dello smottamento avvenuto nel capoluogo, la linea Bolzano-Merano è percorribile in entrambe le direzioni solamente nel tratto compreso fra Ponte Adige e la città in riva al Passirio.

Strade, chiusi i passi di montagna

Complicato anche viaggiare lungo le strade di montagna, nonostante il Servizio strade continui a operare a pieno regime con i 480 uomini e i 220 mezzi a disposizione. Il direttore Philipp Sicher sottolinea comunque che “tutte le strade sono state liberate e rese agibili, quantomeno per i mezzi di soccorso ed emergenza”. Rimangono chiuse al traffico le strade della Val Sarentino (deviazione attraverso il Renon) e della Val Badia (deviazione da Passo Furcia), mentre hanno riaperto una serie di strade provinciali con la panoramica completa a disposizione sul portale web della Centrale viabilità. Per motivi di sicurezza sono state chiuse le strade di Passo Mendola, Passo Giovo, Passo Gardena, Passo Sella, Passo Pordoi, Passo Campolongo, Passo Valparola, Passo Falzarego e Passo Monte Croce. Chiusura invernale, invece, per le strade di Passo Stelvio, Passo Rombo, Passo Pennes, Passo Erbe (raggiungibile dalla Val Badia) e Passo Stalle.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136