Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Finge il ritrovamento di un bancomat dopo aver prelevato, 50enne denunciato in Valtellina

domenica, 11 ottobre 2020

Sondrio – Finge il ritrovamento di un bancomat dopo aver prelevato, denunciato un 50enne in Valtellina. Al termine di accertamenti di polizia, nei giorni scorsi i carabinieri della Stazione di Sondrio hanno denunciato in stato di libertà alla Procura del capoluogo, per il reato di ricettazione, un cinquantacinquenne di origini straniere, dimorante nel sondriese.

112 carabinieri largeI fatti risalgono alla metà di settembre, quando al Comando Carabinieri di largo Sertoli è stato denunciato il furto di una tessera bancomat che, nel frattempo, era stata utilizzata per prelevare denaro da un bancomat della città, 250 euro, il massimo prelevabile in una singola operazione.

Il giorno seguente, si è presentato alla Stazione dei Carabinieri un uomo di origini straniere, dichiarando di aver trovato per terra una tessera bancomat (unitamente al codice pin) e di essere intenzionato a consegnarla ai militari per la restituzione al legittimo proprietario. Il resoconto  dell’uomo presentava però delle falle, la più evidente il prelevamento da 250 euro.

I Carabinieri quindi hanno messo alle strette il 50enne al quale non è rimasto altro che confessare: era lui che aveva effettuato il prelevamento. I carabinieri accertano che, mentre l’uomo stava prelevando, si era accorto della presenza di una telecamera di videosorveglianza.

Il 50enne, resosi conto che i Carabinieri avrebbero potuto identificarlo senza difficoltà e sentitosi ormai scoperto, aveva deciso di consegnare spontaneamente il solo bancomat per cercare di sviare da sé i sospetti. L’uomo ha infine ammesso le proprie responsabilità restituendo anche la somma prelevata che i militari restituiranno al legittimo proprietario ma dovrà comunque rispondere del reato di ricettazione; ulteriore indagini da parte dei Carabinieri metteranno in luce le reali circostanze nelle quali il denunciato è entrato in possesso della carta oggetto di furto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136