Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Droga e fuga all’alt, due denunciati e tre sanzioni in provincia di Sondrio

martedì, 24 novembre 2020

Sondrio – Negli ultimi giorni, durante i controlli della circolazione stradale e del rispetto delle norme anti-covid, i carabinieri del NORM della Compagnia di Sondrio, lungo la Strada Statale 38, hanno proceduto al controllo di un’autovettura con a bordo un sondriese di anni 45, noto per precedenti penali relativi allo spaccio di sostanza stupefacenti.

L’uomo si mostrava nervoso e poco collaborativo durante le fasi del controllo e adduceva alcuna valida giustificazione della sua presenza in Bassa Valle; sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di circa 7 grammi di eroina ed una dose di cocaina, nascosti all’interno di una scarpa. Considerati i precedenti a suo carico è stato denunciato in stato di libertà per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacenti e veniva sanzionato per non aver rispettato le norme dell’ultimo D.P.C.M.

controlli carabinieri sondrioSempre durante i controlli alla circolazione stradale, una pattuglia del NORM ha intercettato uno scooter con a bordo due persone nei pressi di Talamona i quali, alla vista dei Carabinieri, non si sono fermati all’alt dandosi alla fuga. L’inseguimento è durato alcuni chilometri ed è terminato in una strada sterrata dove i due si erano indirizzati sperando di non essere inseguiti dall’auto dell’Arma.

Raggiunti dai militari, il ragazzo alla guida del motoveicolo lasciava il mezzo per continuare la fuga a piedi, tentando di dileguarsi, ma veniva raggiunto dai militari e fermato.  I due soggetti sono risultati essere padre e figlio italiani abitanti in Bassa Valle.

Il guidatore del motoveicolo, un 27enne noto per i suoi precedenti penali, ha giustificato la fuga con il fatto di essere sprovvisto di patente di guida, revocatagli in passato per problemi legati all’uso di sostanze stupefacenti. Veniva quindi denunciato a piede libero per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, guida con patente revocata e contravvenzionato per varie infrazione al Codice della Strada. Padre e figlio sono stati inoltre sanzionati per il mancato rispetto delle norme anticovid.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136