Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Alto Adige, sanzioni e denunce nel weekend di controlli della Polizia Stradale

lunedì, 21 settembre 2020

Bolzano – Prosegue incessante l’attività di controllo della Polizia Stradale sulle principali arterie del territorio provinciale per contrastare le condotte irrispettose del Codice della strada.

polizia stradale montagnaNel complesso del fine settimana, l’attività delle pattuglie della Sezione ha consentito di fermare e sanzionare 5 persone per guida sotto l’influenza di alcol.

In un caso, l’esito della prova etilometrica ha restituito un valore di concentrazione alcolica nel sangue pari addirittura a 1,70 grammi per litro. Nell’occasione, si trattava di un uomo di 51 anni, il quale, fermato alle ore 00:20 per un controllo nell’ambito urbano di Bolzano, mostrava fin da subito i sintomi tipici dell’ebbrezza da alcol, quali occhi arrossati, difficoltà d’espressione e forte alito vinoso. La persona è stata denunciata alla Procura della Repubblica per guida in stato di alterazione da assunzione di alcol. Pesanti le sanzioni penali in arrivo: ammenda minima di 1.500 euro e l’arresto da sei mesi ad un anno. In aggiunta, l’uomo rischia la sospensione della patente di guida fino a due anni.

Denunciata all’Autorità Giudiziaria anche una donna che, nella notte tra sabato e domenica, veniva fermata sulla SS621 della Valle Aurina, in località San Giorgio, nel comune di Brunico. La donna, di anni 39, fermata da una pattuglia del distaccamento di Brunico, mostrava anch’essa i sintomi tipi dell’ebbrezza alcolica, con un valore, alla fine, accertato di 1,26 g/l. In arrivo, per lei, un’ammenda minima di 800 euro e l’arresto fino a sei mesi, e sospensione della patente fino a un anno.

La Sezione di Bolzano prosegue, inoltre, con l’attività di contrasto alle condotte di eccesso di velocità poste in essere sulla Strada Statale 38 MEBO.

Solo nella giornata di sabato è stata sanzionata una persona che viaggiava a 141 km/h nonostante il limite segnalato fosse di 90. Al giovane fermato, di anni 30, è stata ritirata la patente e comminata una sanzione pecuniaria di euro 544.

Sempre sulla Superstrada Mebo, la pattuglia della Sezione effettuava nella stessa giornata un intervento su un incidente verificatosi nei pressi della località Lana, dovuto ad un’autonoma condotta del conducente di un motociclo, un giovane di anni 18, che cadeva riportando lesioni non gravi, tali comunque da richiedere l’intervento del 118. Accertate le condizioni di salute e messa in sicurezza la circolazione, il giovane veniva, inoltre, sanzionato dalla pattuglia perché alla guida di un ciclomotore classe 125, sebbene la circolazione di quel tipo di veicolo non sia consentita su strada extraurbana principale, quale è la MEBO. Sono in corso accertamenti per verificare se il giovane avesse assunto alcol o sostanze stupefacenti prima di mettersi alla guida.

Ancora nella serata di sabato, una pattuglia della Sottosezione di Vipiteno fermava, nell’ambito di controlli specifici su trasporti merci, un furgone immatricolato in Ucraina, il cui conducente stava effettuando un trasporto internazionale di posta per conto terzi, diretto in Ucraina, senza tuttavia essere in possesso della relativa autorizzazione. Il veicolo veniva sottoposto a fermo amministrativo e il conducente veniva sanzionato con il pagamento di una somma pari a 4.130 euro.

 



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136