Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Accusato di truffa all’Unione Europea, ai domiciliari 50enne bresciano

martedì, 27 ottobre 2020

Brescia – La maxi inchiesta della Procura di Bari, su presunta truffa aggravata a danno dell’Unione Europea, ha portato anche all’arresto di un 50enne bresciano, che, secondo l’accusa, avrebbe cambiato la data di una fattura per una macchina agricola di 110mila, in modo da ottenere i fondi europei.

L’operazione è stata illustrata dal Procuratore nazionale antimafia Cafiero de Raho, Procuratore di Bari Roberto Rossi, comandante del Ros Pasquale Angelosanto, comandante del reparto tutela agroalimentare di Salerno Giorgio Borrelli, il vicepresidente di Eurojust Filippo Spiezia e il vice direttore generale di Olaf (ufficio europeo per la lotta antifrode) Ernesto Bianchi in mattinata.

tribunale BresciaNella maxi inchiesta della Procura di Bari sono coinvolte 48 persone, accusate a vario titolo di associazione mafiosa, riciclaggio, sequestro di persona a scopo di estorsione, detenzione illegale di armi ed esplosivi, truffe per il conseguimento di erogazioni pubbliche e concorrenza illecita con minaccia o violenza. La contestazione al 50enne bresciano è concorso in truffa aggravata nei confronti dell’Europa.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136