Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


17 anni dopo, i carabinieri di Sondrio non dimenticano la strage di Nassiriya

giovedì, 12 novembre 2020

Sondrio – Il 12 novembre 2003 (due anni, due mesi e un giorno dopo l’attentato alle Torri Gemelle) un’autocisterna blu irruppe nella Base Maestrale di Nassiriya, una delle due sedi dell’Operazione Antica Babilonia (la missione di pace italiana in Iraq, avviata qualche mese prima con la partecipazione di tremila uomini, 400 dei quali appartenenti all’Arma dei Carabinieri). L’autocisterna esplose all’interno della base.

nassiriyaCrollò gran parte dell’edificio principale, mentre fu gravemente danneggiata una seconda palazzina dove aveva sede il comando. I vetri delle finestre del complesso andarono in frantumi. Nel cortile davanti alla palazzina molti mezzi militari presero fuoco. In fiamme anche il deposito delle munizioni. Il bilancio fu devastante: 28 morti, dei quali 19 italiani (e fra questi dodici carabinieri).

Dopo l’evento i militari rimasti di stanza in Iraq hanno preso un’iniziativa che spiega nel migliore dei modi lo spirito con cui gli uomini affrontano le missioni di pace: una raccolta di fondi per aiutare le vittime irachene di quella autocisterna carica di tritolo.

I Carabinieri erano amati dalla popolazione. «Per loro è più facile», commentarono in molti in Italia: «Loro sono abituati a tenere i rapporti sul territorio, a stare dalla parte dei cittadini. Nelle Stazioni dei paesi il Maresciallo è un amico», una presenza certa e rassicurante. Non uno dei Carabinieri chiese di rientrare. Anzi, ci fu stilato un lungo elenco di richieste per partire. Il giorno stesso del funerale, i feriti testimoniavano la loro volontà di tornare in Iraq: «Questo è il nostro lavoro», dicevano, «e continueremo a farlo».

Nei giorni immediatamente seguenti alla tragedia, si affacciarono dai balconi e dalle finestre, in tutta Italia, moltissime bandiere tricolori. Testimoniavano lo sgomento di fronte ad un dramma immane, la vicinanza alle famiglie dei Caduti: in altre parole, amor di Patria.

In memoria di quanto accadde, il Parlamento nel 2009 istituì la “Giornata del ricordo dei caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace”.

La situazione che sta vivendo l’Italia, e la Lombardia in particolare, non consente di organizzare le consuete cerimonie o commemorazioni ma nelle caserme viene osservato un momento di raccoglimento e di ricordo per i colleghi che hanno perso la vita nell’adempimento del loro dovere. Presso la sede del Comando Provinciale Carabinieri di Sondrio, nell’androne principale, sono presenti due quadri, nel primo sono riportate le fotografie con grado e nome dei Carabinieri caduti mentre nel secondo sono raccolti dei disegni e dei pensieri che gli alunni di diverse scuole della provincia consegnarono al Comando di largo Sertoli l’indomani della strage come testimonianza di vicinanza ed affetto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136