Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


UST Sondrio, le reggenze assegnate sul territorio per l’anno scolastico 2020/2021

martedì, 1 settembre 2020

Morbegno – È stato pubblicato in questi giorni sul sito dell’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia (USR) l’elenco delle reggenze conferite per l’anno scolastico 2020/2021. Anche per la provincia di Sondrio sono stati dunque nominati i sei Dirigenti-Reggenti per i relativi istituti valtellinesi rimasti finora vacanti. Al Liceo “Piazzi-Perpenti” di Sondrio andrà Giovanna Bruno, Dirigente Scolastico presso il Liceo scientifico “Donegani”, anche in vista della costituzione del Polo Liceale unico a partire dall’anno scolastico 2021/2022. Fabio Molinari, Dirigente Ust SondrioAll’IC di Livigno la reggenza è stata assegnata a Tiziana Carli, Dirigente all’Ic di Ardenno; all’IC di Grosio, Grosotto, Sondalo è stata confermata Elena Panizza, già Dirigente titolare. All’IC di Ponte in Valtellina proseguirà la sua reggenza Raimondo Antonazzo. Riconfermata anche per l’IC di Talamona la reggenza di Eliana Giletti, titolare all’IC “Bertacchi” di Chiavenna. Infine, al Centro per l’istruzione degli adulti (CPIA) di Morbegno il reggente sarà Maria Rita Carmenini, già Dirigente titolare presso l’IC “Damiani” di Morbegno.

Sono consapevole del fatto che l’assunzione di una reggenza sia un onere gravoso per i Dirigenti, soprattutto quest’anno. Ringrazio chi ha dato la propria disponibilità e deciso, in questo modo, di servire l’Amministrazione e mi dispiace laddove non vi sia stata disponibilità e l’Ufficio scolastico regionale sia stato costretto ad agire d’ufficio – dichiara il Dirigente Ust, Fabio Molinari –. Purtroppo la Valtellina ha spesso delle difficoltà nel trovare Dirigenti scolastici e temo che tale criticità si verificherà anche nei prossimi anni con il pensionamento di alcuni di essi. Proprio per questo la mia intenzione, che sottoporrò anche all’attenzione dell’Amministrazione provinciale, è quella di istituire dei Poli scolastici in modo da creare delle Dirigenze stabili anziché ricorrere all’Istituto della reggenza“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136