Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Tempesta Vaia, entro fine inverno ripristinate le opere paravalanghe a Badia

giovedì, 5 novembre 2020

Badia – A tutela dell‘abitato di Verda, nel comune di Badia, saranno completati entro fine inverno i lavori per la sostituzione di 7 delle 10 reti paravalanghe distrutte dalla tempesta Vaia.

badia dolomiti estate“La gran parte delle reti paravalanghe che in località Verda, nel comune di Badia, erano state distrutte in occasione della tempesta Vaia nell’ottobre 2018 saranno sostituite con moderne opere paravalanghe prima dei mesi invernali”. Lo annuncia il direttore dell’Agenzia provinciale per la Protezione civile, Rudolf Pollinger. L’intervento d’emergenza comporta un investimento di circa 500.000 euro, finanziato dal fondo statale per i danni provocati dalla tempesta Vaia.

Montate 7 delle 10 opere paravalanghe

Gli addetti dell’Ufficio sistemazione bacini montani est nella primavera 2020 hanno portato a termine gli interventi di asporto del legname da schianto dall’area impervia, un’operazione che, come riferisce il direttore lavori Michael Baumgartner, ha rappresentato una vera e propria sfida. Per consentire le operazioni di sgombero preventivo è stata predisposta una strada in collaborazione con l’autorità forestale. Quindi, avvalendosi di trasporti in elicottero, sono state montate 7 delle complessive 10 opere paravalanghe. Si tratta di barriere del tipo “Farfalla”. In tal modo si garantisce la sicurezza della sottostante frazione di Verda dalla caduta di valanghe. “I lavori sono a buon punto e potranno essere completati in primavera con la sostituzione delle 3 restanti barriere, dopo lo scioglimento delle nevi”, riferisce Baumgartner.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136