Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Investimenti semplificati con robot automatici. Non sempre è consigliato

venerdì, 6 novembre 2020

Una possibilità che suscita l’attenzione di molti ma che non è sempre consigliata: il settore degli investimenti online corre ormai alla velocità della luce, sfruttando le tante innovazioni di matrice tecnologica che si registrano di anno in anno. Il che è certamente positivo, tutto quello che può semplificare la vita è da accogliere con entusiasmo.

Certo è che non sempre le opportunità sono legate necessariamente soltanto ad aspetti buoni: soprattutto quando si parla di trading online, per l’appunto l’arte di investire facendo ricorso alle piattaforme multimediali della rete. In particolare alcuni strumenti che sono nati in seno a questa disciplina sono alquanto controversi.

Un esempio su tutti arriva dal cosiddetto trading automatico. Uno dei tanti strumenti che nasce per facilitare la vita agli investitori (in teoria), per rendere il trading molto più popolare e per ampliare il numero di clienti delle piattaforme di trading.

Il trading automatico

Cosa si intende quando si parla di trading automatico? Si fa riferimento ad una metodologia di investimento interamente automatizzata che permette di investire facendo ricorso a quello che viene chiamato anche robot, ma che molto più prosaicamente (il termine robot, si sa, attira le attenzioni e porta con sé fascinazione) è un software automatizzato.

Il trader alle prime armi può essere attratto da un approccio di questo genere: in fondo, si potrebbe pensare, non è necessario rivolgersi a promotori finanziari professionali, che hanno un costo e la cui consulenza porta via molto tempo; e a ben guardare potrebbe non essere necessario neanche avere competenze tecniche elevate in materia di trading e finanza.

Il che ovviamente è un’arma a doppio taglio; perché per investire con questa modalità ci si deve affidare ad un software che andrà ad investire per conto nostro. Ovviamente ben formato su budget massimo da investire (ci mancherebbe) ad esempio, ma pur sempre un robot automatico che investe invece di un essere umano.

Quando conviene fare trading automatico

Molti trader alle prime armi si lasciano attrarre dalle promesse di facili guadagni, immediati, senza neanche dover fare la fatica di iniziare a studiare il trading. Investire con un robot non equivale assolutamente, in alcun modo, a fare soldi facili.

Sul mercato stanno trovando ampio risalto diversi strumenti che vengono promossi come un modo per guadagnare facilmente usando un software che vada ad investire al posto del trader: niente di più falso, spesso dietro a questi prodotti si nasconde un tentativo di truffa.

Utilizzare un robot per investire può essere una semplificazione, magari un qualcosa da provare se si ha dimestichezza con il mondo della finanza; un’occasione per prender spunti sui movimenti da portare a termine. Ma in nessun caso può esser garantito che l’utilizzo di un robot automatizzato possa portare a facili guadagni generando investimenti sicuri.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136