Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Caos per il distanziamento sui mezzi, la Lombardia dopo il dietrofront del Governo: “Da noi vale la nostra ordinanza, presto un incontro”

sabato, 1 agosto 2020

Sondrio – “In relazione all’ordinanza firmata ieri dal presidente della Regione Lombardia e in vigore da oggi, per quanto riguarda il trasporto pubblico locale – alla luce della nuova ordinanza emanata in data odierna dal ministro della Salute – Regione Lombardia, in attesa di valutare in maniera specifica e puntuale i contenuti di quanto previsto dalla nuova disposizione ministeriale e nell’ottica di un proficuo confronto da avviare in tempi rapidissimi con il Governo e con la Conferenza delle Regioni, conferma la propria ordinanza”. Lo comunica in una Nota la Regione Lombardia dopo il dietrofront odierno del Governo, che ha confermato la necessità di distanziamento sui trasporti pubblici, con un punto interrogativo enorme aggiuntivo su ciò che succederà tra un mese per il ritorno a scuola, tra lo sconcerto di chi è in partenza per la vacanza con un biglietto che potrebbe corrispondere a posti non più utilizzabili visto che le vendite negli ultimi giorni sono andate di pari passo a una deroga al distanziamento sociale di un metro a certe condizioni.

fontana“Le decisioni assunte ieri dalla Regione – prosegue la Nota – oltre a essere in linea con i risultati dei dati sanitari relativi alla Lombardia delle ultime settimane, puntano a un allineamento con quanto gia’ posto in essere da tempo, in materia di trasporto pubblico locale, da Regioni confinanti con la Lombardia. Il tutto anche in un’ottica di dare la possibilita’, a chi gestisce il trasporto pubblico locale, di programmare e ‘sperimentare’ nuove azioni in vista della ripresa dell’attivita’ scolastica di settembre”.

“Si ricorda, infine – conclude la Nota – che in Lombardia per l’accesso al trasporto pubblico locale e’ sempre obbligatorio indossare la mascherina o indumenti idonei a coprire naso e bocca”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136