Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Dati ARPA Lombardia sull’inquinamento durante il lockdown, Cattaneo: “Conferma che traffico non è causa principale”

martedì, 30 giugno 2020

Brescia – Sono stati pubblicati oggi i risultati aggiornati al mese di aprile dello studio di ARPA Lombardia sulla variazione delle emissioni dei principali inquinanti dovuta ai provvedimenti anti COVID-19 sul territorio regionale.

Assessore regionale Cattaneo“I dati – ha commentato l’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo – confermano quanto abbiamo già sostenuto: a fronte di una diminuzione del traffico che va oltre il 65% c’e’ stata una riduzione media delle emissioni, seppur maggiore rispetto al mese precedente, che si attesta fino al 44% per NOX, al 20% per PM10 primario e al 32% per la CO2″.

FATTORE METEOROLOGICO – “Si conferma – ha proseguito l’assessore – anche in questo aggiornamento dei dati come il traffico non sia la principale causa dell’inquinamento. E come le concentrazioni di Pm10 seguano prevalentemente i fattori meteorologici. L’azione di contrasto all’inquinamento dell’aria non si deve concentrare solo sulla mobilita’, ma anche su politiche multisettoriali che agiscano su fattori che sono causa maggiore delle emissioni inquinanti: dal riscaldamento a biomasse, alle emissioni provenienti dagli spandimenti in agricoltura”.

ZONE DIFFERENZIAE – “Inoltre, questa seconda analisi – ha spiegato Cattaneo – è stata differenziata per zone all’interno della Lombardia. Nell’agglomerato di Milano, quello con la maggiore urbanizzazione e la maggiore pressione da parte del settore trasporti, le riduzioni stimate arrivano fino al 60% per gli NOX e fino al 40% per il PM10 primario. Negli agglomerati di Brescia e Bergamo le riduzioni stimate arrivano fino al 50/55% per gli NOX e fino al 35% per il PM10 primario”.

“Nelle aree particolarmente urbanizzate – ha specificato l’assessore – il dato della riduzione degli inquinanti è comunque meno che proporzionale se rapportato all’elevatissima riduzione dei flussi del traffico”.

AVANTI TUTTA – “Proseguiamo dunque con le politiche volte al rinnovo dei veicoli piu’ inquinati, concentrandosi su quelli a basse emissioni, sia inquinanti sia climalteranti. Per questo motivo – ha concluso – chiediamo con forza al Governo di trasferire i 12 milioni di euro che la Lombardia sta aspettando per gli interventi destinati alla qualita’ dell’aria”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136