Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Continui disagi ferroviari in provincia di Sondrio, la beffa per i pendolari valchiavennaschi

sabato, 7 dicembre 2019

Tirano – Non c’è luce in fondo al tunnel dei continui disagi per i pendolari anche in provincia di Sondrio. Quella di giovedì è stata una serata da dimenticare per i numerosi pendolari del treno Tirano – Milano delle 17,08 che, nella tratta Tirano – Colico, ha accumulato un ritardo di oltre 40 minuti, creando non pochi disagi ai tanti pendolari che giornalmente usufruiscono di detto treno. Trenord 1Alla CISL di Sondrio sono sopraggiunte numerose segnalazioni da parte di pendolari, soprattutto Valchiavennaschi, i quali, oltre al danno determinato dall’ingente ritardo, hanno subito la beffa di perdere il treno Colico – Chiavenna delle 18,52 per soli 4 minuti e sono stati costretti a prendere il treno successivo previsto oltre un’ora più tardi. In pratica il loro viaggio è stata una vera e propria “odissea”.

Dopo aver ascoltato quanto riferito dai pendolari della Valchiavenna ci si chiede: perché il treno delle 18,52 non ha aspettato quei pochi minuti al fine di permettere ai viaggiatori, peraltro già “tartassati” da un considerevole ritardo, di usufruire della coincidenza? 

Peraltro, ci viene segnalato che il treno delle 18,52 è partito da Colico in direzione Chiavenna praticamente vuoto, anche perché non ha potuto accogliere neppure i viaggiatori provenienti da Milano e in arrivo a Colico alle ore 18,47 in quanto anche quest’ultimo treno era in considerevole ritardo.

A tal proposito dobbiamo considerare che il treno che compie la tratta Colico – Chiavenna e viceversa, per la stragrande maggioranza dei viaggiatori, rappresenta un segmento di una tratta più lunga che va nella direzione di Tirano o di Milano, pertanto, i suoi orari di partenza non possono prescindere dall’arrivo dei treni provenienti da Milano o da Tirano e devono essere a questi strettamente connessi e, nel caso di ritardi, avere una certa flessibilità tale da non peggiorare il già precario servizio che viene offerto ai pendolari.

L’appello che la CISL di Sondrio rivolge a Trenord è quello di adoperarsi prestando  maggiore attenzione alle coincidenze con i treni diretti in Valchiavenna, tenendo in debito conto la condizione dei viaggiatori di questa tratta, pendolari e turisti, che troppo spesso si presenta come una condizione di forte disagio”, il commento del Referente Settore Trasporti CISL Sondrio, Michele Fedele.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136