Ad
Ad


Alta Valle Camonica, solito rientro da incubo sulla Statale 42 del Tonale

domenica, 2 gennaio 2022

Edolo – L’ennesimo rientro da incubo sulla Statale 42 del Tonale, come periodicamente accade da anni in Valle Camonica in occasioni di Ponti e festività. Ben oltre un’ora i tempi medi di percorrenza da Ponte di Legno a Edolo nell’arco di tutta la giornata di oggi che per molti segna la fine delle vacanze trascorse in Alta Valle. Situazione addirittura peggiorata attorno alle 17, con macchine incolonnate a tratti dalla galleria di Edolo fino al primo tornante del Tonale, a Ponte di Legno.

GIORNATA DA INCUBO
Già negli ultimi giorni del 2021, l'”imbuto” caratterizzato dalla galleria di Edolo aveva creato problemi alla viabilità. Oggi il rientro per i turisti si è rivelato un incubo: dalla tarda mattinata si sono formati incolonnamenti chilometrici in Alta Valle Camonica, con auto ferme prima di Vezza d’Oglio per superare il paese e poi da Incudine fino a Edolo. Le code hanno raggiunto i dieci chilometri, con rabbia da parte dei turisti al rientro dopo le vacanze di Natale e Capodanno, ma anche dei diversi residenti della zona. Rallentamenti in mattinata anche da Sonico verso l’Alta Valle, nel pomeriggio code anche più a Sud, nella zona di Darfo Boario Terme, e peggioramento della situazione a Nord con traffico in tilt da Edolo a Ponte di Legno attorno alle 17, anche nelle vie di accesso alla Statale nei territori di Temù e Vezza d’Oglio. 

IL “NODO” DI EDOLO
Gli incolonnamenti sulla statale 42 del Tonale a Edolo si ripropongono da anni durante i periodi di vacanza, sia invernale sia estiva, e per i residenti dell’Alta Valle Camonica i disagi sono consueti. Da decenni si stanno cercando delle soluzioni per migliorare i collegamenti con l’Alta Valle Camonica e by passare Edolo, ma al di là di incontri politici, proclami, fiumi di parole e bozze di progetti, tutto al momento appare bloccato.

La prima soluzione è l’allargamento della vecchia galleria di Edolo ma è stata scartata, e adesso l’ipotesi progettuale sulla quale sta lavorando il commissario Eutimio Mucilli, dirigente Anas, è la variante tra la rotatoria al confine tra Edolo e Sonico e la località Iscla. Il progetto prevede una galleria di circa 1.645 metri che bypassi l’abitato Edolo, la galleria termina alla sinistra del fiume Oglio, per l’attraversamento del quale verrà realizzato un viadotto lungo 60 metri. Il costo dell’opera è 86 milioni di euro, di cui la maggior parte già finanziati.

Il deficit infrastrutturale rispetto ad altri comprensori turistici alpini è evidente da diverso tempo, per una zona che ambisce a crescere sempre di più: i disagi però si ripetono senza che si predispongano soluzioni, anche temporanee per questi periodo di maggior afflusso sulla Statale del Tonale, e l’auspicio di residenti, turisti e operatori del settore ricettivo dell’Alta Valle è che nel 2022 la situazione si sblocchi e dalla fase progettuale si passi quantomeno all’appalto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136