Ad
a
Ad
Ad


Miniere dismesse, al Comune di Malonno un milione e 700mila euro

sabato, 2 luglio 2022

Malonno – Valorizzazione del patrimonio minerario dismesso, fino a 2,1 milioni di euro, portando la dotazione complessiva a 5,6 milioni di euro. Tra i beneficiari il Comune di Malonno (Brescia), con un finanziamento regionale di un milione e 700mila euro (nella foto © Morandi).

“Regione Lombardia – ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente Raffaele Cattaneo ha un patrimonio minerario dismesso notevole da valorizzare, per questo lo scorso anno abbiamo approvato una nuova delibera con questo obiettivo. Ora, al fine di poter sviluppare pienamente nuovi comprensori minerari significativi, a scopo di ricerca scientifica, turismo, cultura e sociale, rifinanziamo ulteriormente la misura. Miniere, grotte e gallerie naturali hanno da sempre un fascino misterioso e particolare, che abbiamo voluto sostenere affinché tornino a essere luoghi attrattivi del nostro straordinario territorio. E la valorizzazione da parte di Regione Lombardia vuole salvaguardare questi luoghi, che sono testimonianza della vita economica e sociale nella storia della nostra Regione”.

Gli interventi si inseriscono nell’ambito di quanto previsto dalla L.r. n.9 del 2020 ‘Valorizzazione del patrimonio minerario dismesso’, che stanzia complessivamente 5,68 milioni di euro per interventi di messa in sicurezza e per favorire l’accessibilità e la fruibilità delle aree oggetto di precedenti attività minerarie e per iniziative di promozione delle miniere dismesse come aree di interesse fruitivo e a scopo didattico-scientifico.

Continua l’impegno di Regione Lombardia nel recupero dei siti minerari dismessi sul territorio – ha aggiunto l’assessore regionale Lara Magoni Un percorso iniziato nei primi anni del 2000 e che mira alla valorizzazione di antiche tradizioni, mestieri di una volta che meritano di non essere dimenticati, visto che hanno fatto la storia di luoghi e comunità. Grazie al sostegno regionale, in sinergia con gli enti locali e gli operatori economici, le tradizioni minerarie possono tornare a nuova vita, sviluppando l’attrattività di mete suggestive. Tradizioni culturali, antichi mestieri che hanno segnato indelebilmente valli e popolazioni e che oggi possono tornare ad illuminare borghi e siti, rivitalizzando il turismo di aree altrimenti destinate all’anonimato. La voglia di Lombardia si alimenta anche grazie a sapori, saperi e culture centenarie che fanno della nostra regione una terra unica”.

Negli anni sono stati coinvolti nella risistemazione diversi siti, dalla Val di Scalve nella Bergamasca, alla Val Trompia nel Bresciano, dalla Valmalenco nel Sondriese ai Piani dei Resinelli nel Lecchese, sino alla Valsassina. Attraverso diverse tipologie di interventi migliorativi: dal recupero delle costruzioni, al recupero paesaggistico, sino ad interventi per migliorare l’accessibilità ai siti o la creazione di aree di accoglienza dei visitatori.

Saranno beneficiari di questa integrazione il sito minerario dismesso di ‘Petassa-Costa’ Comune di Malonno (Brescia), in Valle Camonica – per un milione e 700mila euro e il Comune di Valtorta in Val Brembana (Bergamo), in località Caravino, Scasletto, Costa Alta (404.000 euro).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136