Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Malegno: il premio “Mites Terram Possident” a don Lino Zani

domenica, 1 dicembre 2019

Malegno – Il premio “Mites Terram Possident” assegnato a don Lino Zani, missionario nativo di Ossimo e già parroco di Malegno.  E’ don Lino Zani, missionario, attualmente in Amazzonia, il vincitore del 15° premio “Mites Terram Possident” 2019 a Malegno (Brescia). Il premio, istituito dal comune di Malegno, dalla parrocchia Sant’ Andrea apostolo di Malegno, sostenuto dal consorzio BIM, dalla Comunità Montana di Vallecamonica e da Valle Camonica Servizi, ha lo scopo di riprendere e riattualizzare il messaggio universalistico che i padri fondatori della comunità malegnese hanno voluto imprimere nei vecchi portali, nello stemma e nel motto del Comune, assegnato ogni anno a persone, associazioni, istituti, organizzazioni particolarmente distintesi per l’impegno in progetti e azioni di solidarietà e pace o in atti concreti di generosità e bontà umana, a livello mondiale, nazionale, locale; e nei quali si ravvisi quel carattere di mitezza così prezioso e difficile da individuare.

Paolo Erba, Elisabetta Panteghini, promotrice della candidatura, ed il nipote di don Lino ZaniLA CERIMONIA - Il premio è stato assegnato in una sala consiliare piena di persone, in una serata presentata da Dario Pezzoni, alla presenza dell’assessore di della Comunità Montana Christian Farisè, del presidente di Valle Camonica Servizi srl Romano Minoia, del parroco don Giuseppe Stefini .

La scelta della commissione è caduta su don Lino Zani, con la seguente motivazione:

“Don Lino supporta con grinta le comunità con cui vive in Amazzonia aiutandole a difendere la terra, la foresta e la natura dal saccheggio e dallo sfruttamento, ricordandoci che “la terra deve appartenere ai miti”.

“Tutelare le popolazioni dell’Amazzionia ci ricorda che la sopravvivenza ambientale dell’intera terra dipende anche dalle scelte economiche occidentali”, è stato il messaggio della serata.

Don Flavio Saleri, compagno di messa di don Lino e già direttore del Centro Missionario Diocesano, ha spiegato il lavoro che sta facendo don Lino in Amazzonia, mentre è toccato ad Elisabetta Panteghini, promotrice della candidatura, tracciarne un ritratto personale. Il Sindaco Paolo Erba, nel suo intervento, ha voluto sottolineare come il Premio Mites, quest’anno ci ricorda che la tutela della natura dall’altra parte del mondo diventi un obbligo urgente per tutelare la salvezza come esseri umani. Il premio è stato realizzato a mano da Gino Baffelli.

L’INIZIATIVA -  Significativo anche il momento di consegna di una cassetta della posta fatta dai volontari e colorata dai bambini del doposcuola di Malegno ad Antonio Trebeschi, Sindaco di Collebeato e vittima qualche settimana fa di un vile attentato alla sua abitazione.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136