Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Edolo, Unimont verrà potenziata grazie ai finanziamenti regionali

Edolo - L'università della montagna è una realtà strategica per la ripresa economica dei territori montani. Il Polo d’Eccellenza dell'Università degli Studi di Milano decentrato a Edolo (Brescia) verrà potenziato grazie al finanziamento concesso nell'ambito del "Piano Marshall" di Regione Lombardia destinato all'implementazione del campus universitario a Edolo.


universita montagna unimontNella decisione sulle opere e i settori strategici da finanziare, grande attenzione è stata riservata alle Aree Montane viste come risorsa strategica per la ripresa economica della Regione.

In totale sono 135 i milioni destinati alla montagna, enti locali e risorse energetiche, a cui si aggiungono 8 milioni e 300mila euro per le comunità montane della Provincia di Sondrio.


Il Polo di Edolo dell'Università della Montagna che, con il corso di laurea in Valorizzazione e Tutela dell'Ambiente e del Territorio Montano e il Centro di Ricerca Ge.S.Di.Mont., da oltre 20 anni promuove la valorizzazione e lo sviluppo del territorio montano attraverso l'innovazione e la formazione di nuovi giovani imprenditori e operatori della montagna, viene riconosciuta nel “Piano Marshall” di Regione Lombardia quale presidio strategico per la ripresa in questi territori speciali.


Un lavoro, quello di Unimont, possibile grazie all’alleanza ultraventennale e strategica tra l’Università degli Studi di Milano e gli Enti territoriali: dal Comune di Edolo, alla Comunità Montana e BIM di Valle Camonica, all’Unione dei comuni delle Orobie bresciane, fino alla Provincia di Brescia. Un esempio virtuoso di come, dal dialogo costante e continuativo tra Università e Territorio si generino nuove e strategiche esperienze, processi e strumenti essenziali per la promozione dello sviluppo sostenibile, esperienze e processi che hanno i territori montani al centro e sono, oggi, nel quadro del Green Deal, davvero preziosi.


La specifica attenzione della Regione Lombardia, consentirà al polo Unimont - unica realtà universitaria italiana che si occupa esclusivamente di montagna da un piccolo comune montano come Edolo, nel cuore delle Alpi - di disporre di strutture nuove e ampliate, potendo così incrementare e rafforzare le attività di formazione e ricerca a favore del territorio montano.


Un "ponte” sempre più solido che collega paesi di montagna e città, d’Italia e dell'Unione Europea, per condividere e scambiare conoscenze, esperienze e innovazioni utili allo sviluppo armonico dei territori.


“La Lombardia ha una quota significativa di territorio montano e tra le sue montagne si trova l’unico Polo universitario italiano interamente dedicato alla valorizzazione e allo sviluppo di queste aree. Anche in questo ambito la Lombardia ha messo a punto uno strumento efficace che investe su innovazione e giovani per il futuro delle montagne. L’impegno costante e concreto di Regione Lombardia per il territorio guarda anche a questa eccellenza, sempre più connessa con la dimensione europea, una realtà che merita di essere potenziata” dichiara Davide Caparini, Assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione di Regione Lombardia.

Ultimo aggiornamento: 19/08/2020 04:06:07
POTREBBE INTERESSARTI
Gli appassionati sulla strada della Corsa Rosa
Da Manerba del Garda a Livigno attraverserà Valtrompia, Valle Camonica e Valtellina
Domenica 23 giugno si rinnova l'appuntamento: programma e percorso
Allarme della Coldiretti del Trentino: +23% nel 2024
ULTIME NOTIZIE
Bolzano - Gli agenti della Sezione Anticrimine del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Merano, a conclusione di una...
Moreschini e Paci nominati atleti dell'anno dal comitato trentino Fisi
Presentato alla base sociale i risultati dell’esercizio 2023