Ad
a
Ad
Ad


Covid, Fontana: “Lombardia resta zona bianca”. In rialzo i decessi: i dati della regione e del Trentino Alto Adige

giovedì, 23 dicembre 2021

Bolzano – “I dati del monitoraggio settimanale confermano, anche per la prossima settimana, la zona bianca per la Lombardia. Di fatto, poi, anche nella nostra regione, come previsto dalla norma che sarà inserita nel nuovo Decreto Legge che il Governo si appresta a varare, si dovrà usare la mascherina all’aperto”. Lo annuncia il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, commentando da un lato i dati del monitoraggio settimanale, che domani saranno analizzati dalla cabina di Iss e Ministero della Salute; dall’altro l’esito della Conferenza Stato-Regioni, da poco terminata, con oggetto il nuovo Decreto Legge contenente ‘Misure Covid-19’.

“Come ho già sottolineato più volte – dice il presidente – l’uso della mascherina all’aperto, che per me rimane fondamentale in occasioni di rischio come gli assembramenti, è già stata resa obbligatoria con ordinanza da molti sindaci. Devo inoltre constatare che molti lombardi non hanno mai smesso di usarla”.

“I dati di questa settimana – spiega il Governatore – registrano il tasso di occupazione dei posti letto in area medica ancora sotto il 15%, anche se, come in tutto il territorio nazionale, stiamo assistendo a una crescita importante dei contagi che ci spinge a tenere monitorata e attenzionata la situazione”.

“Per questo – aggiunge – il consiglio che rivolgo a tutti i lombardi è continuare a osservare le regole su distanziamento e uso dispositivi medici, avere particolare prudenza nei confronti dei soggetti più a rischio, ma soprattutto vaccinarsi e, ancora, vaccinarsi. Sia con la terza dose, che con la prima, per chi ancora non l’ha fatto. Solo questo può frenare l’impatto dell’aumento della circolazione del virus sui ricoveri ospedalieri”.

“Non sono mie valutazioni. I dati – conclude Fontana – lo confermano: nel mese di dicembre in Lombardia, il rischio di decesso per i non vaccinati è stato di 1,8 rispetto ai vaccinati (circa il doppio). Per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva addirittura di 6,2 rispetto ai vaccinati. Una realtà che non si può ignorare”.

DATI COVID

Un aumento contenuto e un peggioramento atteso per i prossimi giorni a seguito dell’incremento dei contagi: nei reparti covid-19 dell’Ospedale di Sondalo sono ricoverati 49 pazienti, soltanto due in più di venerdì scorso, ma ben 36 sono in gravi condizioni. Al momento i due reparti dedicati del primo padiglione sono saturi e presto sarà necessario riservarne un terzo, dopo che nei giorni scorsi l’organico è stato rafforzato con il trasferimento di una decina fra infermieri e operatori sociosanitari dall’Ospedale di Sondrio. Tra i malati in condizioni serie ci sono 13 donne e 23 uomini: 12 sono nati negli anni Trenta, sette negli anni Quaranta, sette negli anni Cinquanta, quattro negli anni Sessanta, due negli anni Settanta, uno negli anni Novanta e tre sono nati dal 2000 in avanti. Vi sono sia vaccinati che non vaccinati, molti sono positivi ma il ricovero o il peggioramento delle condizioni di salute sono dovuti a patologie non legate al covid-19.

Sul fronte delle vaccinazioni l’impegno dell’Asst è massimo per soddisfare le richieste dei cittadini: i cinque centri vaccinali sono tutti aperti oggi, mentre domani solo quelli di Sondalo, Sondrio e Morbegno. Il giorno di Natale rimarranno tutti chiusi e domenica 26 saranno operativi di nuovo quelli di Sondalo, Sondrio e Morbegno. I numeri delle prenotazioni sono in aumento, in particolare quelli delle vaccinazioni per i bambini tra i 5 e gli 11 anni: attualmente sono circa 2900 e aumentano al ritmo di oltre 200 al giorno. I bambini già vaccinati sono 650.

In regione 45 nuovi decessi. A fronte di 205.847 tamponi effettuati, sono 12.913 i nuovi positivi (6,2%).

I dati di oggi:

– i tamponi effettuati: 205.847, totale complessivo: 23.539.091
– i nuovi casi positivi: 12.913
– in terapia intensiva: 162 (-2)
– i ricoverati non in terapia intensiva: 1.408 (+56)
– i decessi, totale complessivo: 34.859 (+45)

I nuovi casi per provincia:

Milano: 5.587 di cui 2.518 a Milano città;
Bergamo: 833;
Brescia: 844;
Como: 593;
Cremona: 266;
Lecco: 274;
Lodi: 381;
Mantova: 290;
Monza e Brianza: 1.316;
Pavia: 635;
Sondrio: 145;
Varese: 998.

TRENTINO

Bilancio pesantissimo quello di oggi sul fronte dei decessi da covid-19: sono 6 (2 donne e 4 uomini), tutti – tranne uno – venuti a mancare in ospedale, la vittima più giovane aveva 68 anni, quella più anziana 79. Un paio di questi erano vaccinati da meno di 5 mesi ma presentavano altre patologie; stesso discorso per altri due, vaccinati da oltre 5 mesi, con patologie; di altri due si apprende che non erano vaccinati o il ciclo non era completo ed uno dei due non presentava altre patologie.

Numeri alti anche sul fronte dei nuovi contagi: 368 quelli contati nelle ultime 24 ore. La situazione negli ospedali vede oggi un totale di 121 pazienti covid, dei quali 22 si trovano ancora in rianimazione: ieri i ricoveri sono stati 15; le dimissioni 9.

Nel dettaglio, ieri sono stati analizzati 1.346 tamponi molecolari che hanno riscontrato 123 nuovi casi positivi e confermato 259 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. Questi ultimi sono stati o particolarmente numerosi: 11.070, dei quali 245 sono risultati positivi. La fascia più ‘esposta’ è risultata quella fra i 19 ed i 39 anni, con 137 nuovi casi.

Ieri le classi in quarantena erano 49. Altri 293 guariti portano il totale a 52.477. Infine i dati sulle vaccinazioni: questa mattina è stata raggiunta quota 973.262, comprese 388.364 seconde dosi e 155.110 terze dosi.

ALTO ADIGE
I laboratori dell’Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.820 tamponi PCR e registrato 141 nuovi casi positivi. Inoltre 204 test antigenici positivi. A livello provinciale ad oggi sono stati effettuati in totale 768.224 tamponi su 272.787 persone.

I numeri in breve:

Test PCR:

Tamponi effettuati ieri: 1.820

Nuovi casi testati positivi da PCR: 141

Numero delle persone testate positive al coronavirus: 99.354*

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 768.224

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 272.787 (+486)

Test antigenici:

Numero complessivo test antigenici: 2.664.650

Test antigenici eseguiti ieri: 14.407

Numero delle persone testate positive dai test antigenici: 204

Test nasali eseguiti fino al 22.12.2021: 1.275.468 test totali, 3.953 risultati positivi, di cui 2.114 confermati, 451 PCR negativi, 1.388 in attesa del risultato/non confermati con testo entro 3 giorni.

Dati casi positivi del 22 dicembre per fascia d’età:
0-9: 57 = 17%
10-19: 44 = 13%
20-29: 58 = 17%
30-39: 64 = 19%
40-49: 49 = 14%
50-59: 40 = 12%
60-69: 8 = 2%
70-79: 19 = 6%
80-89: 5 = 1%
90-99: 1 = 0%
100+: 0 = 0%
Totale: 345 = 100%

Altri dati:

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 82

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate (postacuti): 62 (al 22 dicembre)

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco: 7

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 21

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 1.293 (+4)

Persone in quarantena/isolamento domiciliare: 8.929

Persone che hanno concluso la quarantena e l’isolamento domiciliare: 177.045

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 185.974

Guariti totali: 92.641 (+317)

Dati relativi alla situazione nelle scuole di ogni ordine e grado in Alto Adige
Casi positivi dal 01. al 21.12.2021:
Totale alunni positivi: 1.027
Totale personale scolastico positivo: 123
Provvedimenti di quarantena dal 01. al 21.12.2021:
Classi che non sono state messe in quarantena (un solo caso positivo confermato per classe e partecipazione ai test nasali): 350
Classi messe in quarantena perché sono stati confermati due o più casi positivi (dove vengono eseguiti i test nasali) o un caso positivo confermato (dove non vengono eseguiti i test nasali): 259

*Il numero delle persone testate positive al coronavirus di ieri è stato corretto da 99.013 a 99.009 dalla ripartizione informatica a fronte di un ricalcolo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136