Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Estate con tre grandinate al giorno, allerta per la vendemmia

Trento - Devastati vigneti, mais, soia e frumento, alberi sradicati, allagamenti e frane, eventi meteorologici estremi sempre più frequenti nel Nord Italia.


meleti agricolturaCon più di tre grandinate al giorno solo dall’inizio dell’estate 2020 è allarme nelle campagne con la vendemmia in corso e la frutta matura da raccogliere.

E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti su dati ESWD in riferimento all’ultima ondata di maltempo che ha colpito il nord Italia dal Piemonte al Veneto fino al Trentino Alto Adige con bombe di acqua e ghiaccio che hanno investito, la fascia veneta del basso Garda a Lazise colpendo i vigneti di Bardolino e Chiaretto, quella fra Vicenza e Treviso devastando mais soia e frumento, l’area torinese con alberi sradicati e la zona del Brennero con allagamenti e frane.


Ma non si tratta purtroppo di un fenomeno isolato – spiega Coldiretti – perché lungo tutta la Penisola in poco più di un mese e mezzo si sono verificati 484 eventi estremi fra violenti nubifragi, trombe d’aria, grandinate e bombe d’acqua che hanno causato pesanti danni a uliveti, ortaggi in pieno campo, frutteti, vigneti e tabacco ma anche a strutture rurali con tetti scoperchiati e serre divelte,


Siamo di fronte – evidenzia la Coldiretti – alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.


I cambiamenti climatici hanno fatto esplodere il pericolo idrogeologico – sottolinea la Coldiretti – su un territorio reso più fragile dalla cementificazione e dall’abbandono con il risultato che sono saliti a 7252 i comuni italiani, ovvero il 91,3% del totale, che sono a rischio frane e/o alluvioni secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ispra. Una situazione aggravata dal fatto che – evidenzia la Coldiretti – il territorio italiano è stato reso più fragile dalla cementificazione e dall’abbandono con la perdita negli ultimi 25 anni di oltre ¼ (-28%) della superficie agricola utilizzabile in Italia ridotta ad appena 12,8 milioni di ettari secondo la Coldiretti.

Ultimo aggiornamento: 18/08/2020 00:32:52
POTREBBE INTERESSARTI
La denuncia di Dario Balotta, responsabile trasporti di Europa Verde
A livello nazionale 110mila indagini a contrasto degli illeciti economici finanziari
Bormio (Sondrio) - E' tornata la neve al Passo dello Stelvio, l'abbassamento della temperatura, dopo il primo caldo...
Sconfitto Hurkacz in finale e primo titolo su erba
Trissino (Vicenza) - Il nuovo Campione Italiano Under 23 di ciclismo su strada è Edoardo Zamperini, che taglia il...
ULTIME NOTIZIE
Sul posto tecnici Anas, vigili del fuoco e forze dell'ordine
Ballottaggio, oggi e domani urne aperte per scegliere il sindaco