Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Presanella Epic Trail, un'avventura di cinque giorni a Pontedilegno-Tonale

Una nuova proposta in alta quota, percorso variegato da Vermiglio

Vermiglio (Trento) – Presanella Epic Trail è la nuova proposta del Consorzio Pontedilegno-Tonale per l’estate. Dedicato a tutti gli amanti della montagna, a quelli che anche in estate scelgono le terre alte come meta delle loro vacanze, è un’avventura da vivere in cinque giorni, con partenza ed arrivo a Vermiglio, in alta Val di Sole.

NOVITA'
Il percorso è estremamente variegato e si snoda lungo 63 km e 4.700 metri di dislivello positivo. È soprattutto un bell’esempio di integrazione tra il trekking e gli impianti di risalita che in alcuni casi agevolano i passaggi di quota, senza tuttavia togliere il senso di conquista di ciascuna tappa, che va veramente affrontata con grande impegno. Complessivamente è un trail che richiede un buon allenamento e prevede anche due vie ferrate: il famoso Sentiero dei fiori e il meno conosciuto, ma altrettanto suggestivo, Sentiero degli Austriaci. Presanella Epic Trail si trova all’interno del Parco Adamello Brenta e del Parco dell’Adamello e si addentra nel regno delle marmotte, dell’aquila e degli stambecchi, ma anche sui tracciati e negli anfratti nei quali si muovevano i soldati che su queste cime hanno combattuto la Guerra bianca. Insomma, è un’esperienza per i più avventurosi che entreranno in contatto con un ambiente molto selvaggio ed evocativo.

Da tempo avevamo in mente di riunire i trekking più belli che si trovano tra Vermiglio e il Passo Tonale – spiega Michele Bertolini, direttore del Consorzio Pontedilegno-Tonale - e finalmente siamo riusciti a dare forma ad un vero progetto, una proposta di vacanza estiva in grado di attirare una clientela spiccatamente sportiva che cerca itinerari nuovi. Presanella Epic Trail è una proposta molto interessante perché riunisce più aspetti, quello naturalistico, storico, faunistico, alpinistico, e in cinque giorni propone sempre qualcosa di diverso e di appagante”. Il trail può essere percorso in autonomia oppure rivolgendosi alle Guide alpine per l’accompagnamento, le tracce gpx sono disponibili sul sito https://www.pontedilegnotonale.com/

In dettaglio le 5 tappe di questo trail:

TAPPA 1: DA VERMIGLIO AL RIFUGIO DENZA

Lunghezza: 8,5 km

Dislivello: 1.120 m

Durata: 4h 10’


Si parte dai laghetti di San Leonardo a Vermiglio (foto © Aringa Studio) e poi ci si addentra nel bosco. Si sale dal sentiero denominato “de la scalacia” che porta ai 2.298 metri di quota del rifugio CAI dedicato alla memoria di Francesco Denza, dove è possibile pernottare.
Accanto al rifugio si trova una chiesetta che è stata realizzata con i resti delle baracche di guerra austriache e, poco distante, un laghetto nel quale si rispecchia la cima Presanella che con i suoi 3.558 metri è la più imponente che si trova interamente in territorio trentino e per questo motivo è considerata la Regina del Trentino.

TAPPA 2: DAL RIFUGIO DENZA AL GHIACCIAIO PRESENA

Lunghezza: 13,5 km

Dislivello: + 1.380 m, - 1.101 m

Durata: 7h


La seconda tappa è molto più lunga della precedente e, dopo una prima parte in salita su pietraia fino al Passo dei Pozzi, prevede una lunga discesa verso il Velon e poi una risalita verso l’alveo Presena (il noto fuori pista Cantiere dei mesi invernali), per arrivare ai 2.585 metri di quota di Passo Paradiso. La cabinovia Presena, in funzione da metà giugno a metà settembre, permette di raggiungere comodamente il rifugio Capanna Presena dove è possibile concedersi il meritato riposo e pernottare. Il ghiacciaio nei mesi estivi è protetto sotto i teli geotessili che lo riparano dal sole; tutto intorno il paesaggio è estremamente roccioso, quasi lunare.

TAPPA 3: DAL GHIACCIAIO PRESENA AL PASSO TONALE (SENTIERO DEI FIORI)

Lunghezza: 5,1 km

Dislivello: +390 m, – 800 m

Durata: 5h


La terza tappa inizia con la salita in cabinovia fino ai 3.000 m di Passo Presena, da qui il trail porta prima al Passo di Lago Scuro dove si trovano un villaggio militare della Guerra bianca ed una chiesetta adibiti a museo, poi alla Capanna Amici di Lagoscuro. Non è difficile incontrare gli stambecchi che popolano queste montagne. Proseguendo si trova il Sentiero dei fiori con le due passerelle sospese nel vuoto, ricostruite nello stesso punto dove c’erano quelle utilizzate dai soldati durante la guerra. Questa è una delle vie ferrate più famose di tutto l’arco alpino, di grande interesse storico-naturalistico. A questo punto si scende a Passo Paradiso e da qui, in cabinovia, al Passo Tonale dove è possibile pernottare in hotel.

TAPPA 4: DAL PASSO TONALE AL BAIT DI MEZZOLO

Lunghezza: 13,2 km

Dislivello: +630 m, -1.445 m

Durata: 5h 30’


Ci si porta facilmente in quota grazie alle due seggiovie Valbiolo e Contrabbandieri che attraversano gli ampi prati, regno delle marmotte (foto © Aringa Studio). Si raggiunge il Sentiero degli Austriaci, una via ferrata che, ripercorrendo i camminamenti austro-ungarici, conduce al Torrione d’Albiolo. Accedendo al Torrione si possono ammirare numerosi reperti bellici: gradinate in calcestruzzo, piazzole d’artiglieria, gallerie di collegamento e tracce della stazione d’arrivo di una teleferica. Da qui, percorrendo uno spettacolare sentiero in cresta, si prosegue verso alcune postazioni militari della Prima guerra mondiale che si trovano all’interno di un bellissimo bosco: forte Zaccarana e le Caserme di Strino. La tappa si conclude al Bait di Mezzolo, un suggestivo bivacco immerso nel bosco dove è possibile trascorrere la notte.

TAPPA 5: DAL BAIT DI MEZZOLO A VERMIGLIO

Lunghezza: 22,7 km

Dislivello: +1.180 m, -1.840 m

Durata: 8h 15’


L’ultima tappa è particolarmente lunga ma priva di difficoltà tecniche e si mantiene sempre al di sotto dei 2.000 metri di quota. Il trail tocca i caratteristici alpeggi di Verniana e Saviana e Malga Boai, situati in una posizione molto panoramica e soleggiata, proprio di fronte alla Presanella che con il suo inconfondibile profilo veglia sull’abitato di Vermiglio. Ci si abbassa di quota arrivando alla frazione di Cortina, si attraversa la strada statale e si passa sulla sponda opposta per risalire la valle di Barco e arrivare al lago omonimo, uno splendido specchio d’acqua posto a 1.908 metri di quota, dove vi è anche la possibilità di sostare presso il nuovo bivacco che sarà inaugurato il 7 luglio. Da qui, si rientra a Vermiglio nello stesso punto dal quale il trail ha avuto inizio, i laghetti di San Leonardo.
Ultimo aggiornamento: 25/06/2024 16:06:34
POTREBBE INTERESSARTI
Trento – La Dolomiti Energia Trentino inizierà il suo percorso europeo con un grande classico, ossia la lunga trasferta...
Pinzolo (Trento) - Per la seconda estate consecutiva il Torino Football Club 1906 sceglie Pinzolo per il ritiro...
Milano - L’arbitrato CAM è più rapido e può risultare più conveniente di una causa civile ordinaria. Sfatato, dunque, il...
Idro (Brescia) - La Provincia di Brescia ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione della deviante alla Sp...
Ric4rche in corso da parte dei vigili del fuoco di Riva del Garda
Valsugana (Trento) - Dopo qualche anno di assenza, ieri sera la bellezza del Concorso Miss Italia è tornata ad essere...
ULTIME NOTIZIE
Per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni
A causa di un incidente ad Artogne, strada chiusa in mattinata
Bolzano - Prosegue incessantemente l’operato dell'Arma dei carabinieri di Bolzano e della Guardia di Finanza. Non...