Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Ciclismo, Giro d'Italia: Pogacar mattatore a Livigno

Riprende Quintana a due chilometri dall'arrivo e vince in solitaria al Mottolino

Livigno (Sondrio) - La Maglia Rosa Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto la quindicesima tappa del Giro d'Italia 107, la Manerba del Garda-Livigno (Mottolino) di 222 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Nairo Quintana (Movistar Team) e Georg Steinhauser (EF Education-EasyPost). Foto @LaPresse.
La seconda settimana del Giro d'Italia 107 si chiude con una nuova esibizione di Tadej Pogacar che, in Maglia Rosa, ottiene il suo quarto successo scavando un solco nei confronti dei diretti rivali in classifica generale. L'azione dello sloveno è iniziata ai -14 sulle rampe del Passo del Foscagno, uno scatto secco al quale nessuno è riuscito a reagire. La Maglia Rosa ha via via recuperato i corridori che facevano parte della fuga di giornata, che al momento dell'attacco avevano un gap superiore ai 3', scavalcando Nairo Quintana, ultimo superstite, a 2100 metri dall'arrivo. Il tratto più duro dell'ascesa del Mottolino diventava una passerella per Pogacar, acclamato dai numerosi tifosi presenti fino al traguardo. Alle sue spalle Quintana e Steinhauser, che facevano parte della fuga di giornata, hanno preceduto gli altri big con Bardet (2'47") ad anticipare Martinez e Thomas (2'50"). Poco più indietro O'Connor (2'58") e Arensman (3'05"), che in ottica Maglia Bianca ha recuperato oltre un minuto ad Antonio Tiberi (4'10").

TRIONFO
Al Mottolino di Livigno trionfa Pogacar, con uno spettacolo davvero unico sulle strade che dal Garda hanno portato al "piccolo Tibet".
Una tappa, la 15esima del Giro d'Italia, che ha visto sulle strade della Val Trompia, Valle Camonica e Valtellina migliaia di appassionati in una tappa con Quintana primattore fino agli ultimi chilometri sulla salita che da passo Eira porta al Mottolino.
A 14 km dal traguardo lo sloveno è partito recuperando via via tutti i corridori che erano in fuga ed ha raggiunto Nairo Quintana e negli ultimi due chilometri fino al Mottolino ha fatto il vuoto e in solitaria ha raggiunto il traguardo distanziando di ulteriore margine i suoi principali avversari alla vittoria finale. Sul traguardo del Mottolino Pogacar ha distanziato di 30'' Quintana; Bardet, Martinez e Thomas a 2'50''; Rubio e Ben O'Connor a 2'57''. Tiberi è arrivato a 4'.

ORDINE D'ARRIVO
1 - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) - 222 km in 6h11'43", media di 35.833 km/h
2 - Nairo Quintana (Movistar Team) a 29"
3 - Georg Steinhauser (EF Education-EasyPost) a 2'32"

CLASSIFICA GENERALE
1 - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
2 - Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) a 6'41"
3 - Daniel Felipe Martinez (Bora - Hansgrohe) a 6'56"

LE MAGLIE UFFICIALI
  • Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
  • Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ITA Italian Trade Agency - Jonathan Milan (Lidl-Trek)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica Giovani, nati dopo il 01/01/1999, sponsorizzata da Eataly - Antonio Tiberi (Bahrain Victorious)
Il vincitore di tappa e Maglia Rosa Tadej Pogacar ha dichiarato in conferenza stampa: "Oggi è una giornata di quelle che ricorderò per anni, perchè ho vinto la tappa regina a Livigno, che è uno dei miei posti preferiti in Italia. Ci sono stato la prima volta da juniores, durante un training camp con la Nazionale, e da quella volta ci sono tornato quasi ogni anno. Ci sono legato anche perchè è qui che ho avuto il mio primo appuntamento con la mia fidanzata Urska. Conosco molto bene queste strade, e avevo studiato con il team il punto in cui attaccare, dopo il forcing di Majka. Non si può ancora dire che il Giro è finito, manca ancora una settimana e tutto può succedere".
Ultimo aggiornamento: 19/05/2024 20:54:44
POTREBBE INTERESSARTI
Sono 50 gli indagati dalla Guardia di Finanza di Reggio Emilia per reati fiscali
Roma - Esame di maturità per 526.317 studenti italiani, poco più di 8mila bresciani, di cui 1.200 tra Valle Camonica,...
Ceto (Brescia) - Ultimo saluto a Brigida Andreina De Pari, 82 anni. Nel pomeriggio si terranno le esequie di...
Sondrio - Maltrattamemnti sulla moglie, imprenditore valtellinese arrestato. Il 35enne è accusato di stalking e lesioni....
Brescia - Un insegnante di religione residente nel Bresciano è stato arrestato per pedopornografia. L'inchiesta della...
ULTIME NOTIZIE
Cles (Trento) - Domani - giovedì 20 giugno, alle 18 - si alzerà il velo a Cles sulla nuova mostra “Valentino Ruatti....
Venerdì 21 giugno "Yoga day", sabato 22 lo spettacolo "Mago per svago"
Verrà sottoscritto un protocollo d'intesa in caso di emergenza