Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Spirale di violenza e di morte portano l’umanità alla dissoluzione

"Al grido angosciato di uomini e donne abitati dalla paura e dalla tristezza, quali siamo tutti noi in quest’ora drammatica, risulta piuttosto impegnativo immaginare di trovare risposta da un uomo gettato a terra, con l’anima triste fino alla morte, da un uomo che grida “Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?” Mc 15, 33
Come è possibile ritrovare in un uomo appeso alla croce i tratti di Dio? Come far diventare nostre le parole del centurione “Davvero quest’uomo era figlio di Dio”? Mc 15, 39
Per abbozzare una risposta, occorre guardarsi dalla tentazione “doloristica” di leggere Gesù a partire dalla croce; al contrario, occorre leggere la croce alla luce di Gesù, Colui che vi è stato ingiustamente appeso, Colui che con la sua libertà d’amore ha reso il patibolo un trono di gloria.
Gesù va incontro alla morte, come ci attestano i Vangeli, non per caso o per un destino ineluttabile. Di fronte al precipitare degli eventi, egli era libero di tornare in Galilea. Gesù ha scelto di andare verso la morte nella libertà e per amore: “avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino all’estremo, fino alla fine” Gv 13, 1
A onore del vero, Gesù più volte ha annunciato che la sua Passione “era necessaria” Mc 8, 31. Di quale necessità si tratta? Mostrare con i fatti che è possibile, sul terreno dell’umano, non rinunciare ad amare. Questo è divino! Restare piantati nella determinazione ad amare. L’amore di Gesù è un amore disarmato.

Un amore che si fa dono senza chiedere nulla in cambio.
Il Padre che assieme allo Spirito Santo partecipa pienamente al dolore e alla consegna del Figlio porta il Centurione a riconoscere in quel morire il volto di Dio. Nell’ostinazione dell’amore e della solidarietà più radicale, il soldato romano scopre i lineamenti del divino.
La fretta che scandisce il passo delle nostre giornate, il bisogno spasmodico di trovare immediatamente una spiegazione a tutto, la tentazione di affrontare la vita quasi fosse una porta girevole che dà accesso a scelte sempre reversibili, inducono in noi la diffidenza nei confronti delle potenzialità di una vita abitata dal dono, dalla gratuità, dal perdono.
Se solo per un attimo ci fermiamo ad osservare la spirale di violenza e di morte in cui sta precipitando l’umanità – al riguardo è davvero preoccupante il tentativo da più parti di dare una connotazione valoriale alla violenza e all’odio, come pure la giustificazione delle autocrazie con la conseguente messa in discussione del sistema democratico – mi pare di poter dire con assoluta certezza che solo nella misura in cui sapremo attivare processi di perdono, di gratuità, di relazioni disarmate potremmo salvarci dalla dinamica distruttiva in cui stiamo precipitando, con il rischio concreto di arrivare a un punto di non ritorno e alla dissoluzione dell’umanità.
Siamo ad un bivio: credere all’Amore e far fiorire la vita, oppure rinunciare ad amare e spalancare le porte all’abisso del non-senso.
A qualificare l’esistenza umana non è semplicemente il fatto di vivere, ma il sapere per chi e per cosa si vive. L’esistenza umana, senza questa consapevolezza, non ha futuro.
Gesù vive la sua morte come servizio, perché non venga meno nell’uomo la fiducia nel dono e nel regalare la vita. Sta a noi accoglierlo", omelia di monsignor Lauro Tisi, nella domenica delle Palme.

Ultimo aggiornamento: 24/03/2024 10:58:16
POTREBBE INTERESSARTI
L'incontro con il presidente del Consiglio provinciale Claudio Soini
In risposta alla coraggiosa decisione dell’università di Trento di declinare al femminile il regolamento di ateneo, si è...
"Dopo l'aggressione subita da una Guardia medica, il tema è su come creare condizioni di sicurezza per i numerosi...
"Fu con il voto dell'Assemblea Costituente che la "causa montana" trovava posto all'articolo 44  della nostra...
Il consumo di suolo in Italia accelera alla velocità di 2,4 metri quadrati al secondo pari nel 2022 a ben 77 km2, quasi...
“Dio è una virgola, non un punto. Ama fare e ricevere domande. Il terreno del morire, da sempre è fecondo di domande....
ULTIME NOTIZIE
Al ballottaggio ha vinto la colazione di centrodestra sostenuta da Chiari al centro
Ha presentato i concorsi "Fiormaggi" e "Un fiore nel piatto" al festival Gustò di Orbassano
24/06/2024 14:15 - 24/06/2024 18:30
24/06/2024 14:30 - 24/06/2024 23:30
24/06/2024 15:27 - 24/06/2024 18:45