Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Trento, carcere: "Il cambio di modello a danno di tutti"

Trento - "Carcere di Trento: a fare le spese del naufragio del progetto è il personale, Si verificano ormai con frequenza regolare episodi di violenza e a farne le spese innanzitutto è il personale, sottoposto a rischi, stress e minacce".

Il consigliere provinciale Filippo Degasperi (Onda) ha presentato un'interrogazione in Consiglio provinciale: "L’iniziale prospettiva per l’istituto di Spini - scrive il consigliere provinciale Degasperi - era quella di replicare il modello del carcere di Bollate, caratterizzato dalla cosiddetta “reclusione attenuata”, dove l’aspetto punitivo e quello rieducativo, nelle intenzioni, si sviluppano in maniera personalizzata con detenuti scelti che studiano e lavorano. Su queste basi era nato il carcere di Trento, con una capienza di 245 persone.
La cronaca conferma, purtroppo, che l’idea originaria è da tempo superata.
Dal 2015 circa, a Trento si sono iniziati a trasferire i detenuti senza alcun rifermenti al progetto complessivo. Addirittura gli autori di danni altrove arrivano a Trento. Sono state aperte pure due sezioni per i cosiddetti “protetti”. Lo stravolgimento del modello di partenza fa sì che le modalità gestionali/operative (rimaste inalterate) si palesino come inadeguate".
Progettato sulla base di un disegno che prevedeva controlli blandi, a distanza, per mezzo di telecamere e dell’elettronica, il carcere di Trento ha perso tutti gli spunti originali. Oltre ad avere un numero di ospiti che supera di parecchio i 300 rispetto ai 245 previsti, il cambio di modello ha aggravato la già cronica carenza di personale. Un conto infatti è gestire una struttura “aperta”, altro una tradizionale, con aperture e sezioni chiuse gestite manualmente. Come detto, i primi a subire l’inadeguatezza del modello sono gli agenti, ma anche i detenuti pagano lo scotto di un progetto che sembra ormai naufragato. Eppure l’impegno del personale è massimo e a testimoniarlo (anche se non sono mai nominati) i tanti ospiti colpiti da malori salvati dal personale".
Ultimo aggiornamento: 15/04/2024 23:00:52
POTREBBE INTERESSARTI
E' stato trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento in codice rosso
Bolzano - Nell’ambito di una specifica operazione di Polizia di prevenzione generale, connessa ad una complessa attività...
ULTIME NOTIZIE