Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Ricercato a livello internazionale, arrestato al Brennero

Il 36enne di Taranto deve scontare una pena di 8 anni e 4 mesi per reato contro il patrimonio

Brennero (Bolzano) - Nel pomeriggio di ieri gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza del Brennero hanno arrestato Italo Agrosì, cittadino italiano di 36 anni originario di Taranto, in quanto colpito da un ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna.

L’uomo, latitante dal 2023, era stato rintracciato in Germania dalla Polizia tedesca a seguito della emissione a suo carico di un Mandato di Arresto Europeo (MAE), dovendo scontare una pena di 8 anni e 4 mesi di reclusione, con sentenza passata in giudicato, per numerosi reati contro il patrimonio (ricettazione, falso, furto aggravato, uso indebito di carte di credito).

Il ricercato è stato consegnato alle Autorità italiane dalla Polizia Austriaca, la quale, a sua volta, lo aveva preso in custodia dalla Polizia Tedesca presso la Frontiera austro-tedesca di Kufstein.

Dopo le procedure di identificazione e consegna l’arrestato è stato condotto presso la casa circondariale di Padova.

“La cooperazione internazionale in materia giudiziaria e di Polizia rappresenta un aspetto particolarmente importante delle attività delle Forze dell’Ordine - ha evidenziato il questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori -. Per tramite, a seconda dei casi, delle Divisioni Interpol, Europol e S.I.RE.N.E. della Direzione Centrale della Polizia Criminale i provvedimenti di cattura emessi dalle varie Autorità Giudiziarie di tutto il mondo vengono messi a disposizione di una unica Banca Dati e resi esecutivi, nel rispetto dei Trattati sottoscritti tra gli Stati, al fine di garantire la custodia cautelare ovvero l’espiazione della pena a carico di coloro che si sono sottratti alla Giustizia nel Paese ove il reato è stato commesso”.
Ultimo aggiornamento: 10/07/2024 21:23:20
POTREBBE INTERESSARTI
Rogno (Bergamo) - Arrestati due spacciatori. I carabinieri di Costa Volpino hanno arrestato un venezuelano di 37 anni, e...
Capitano Fullone cede testimone a Tenente Di Cosimo
Bolzano - Sono 42 i nuovi carabinieri assegnati all’Alto Adige. Il benvenuto del Comandante della Legione Carabinieri...
ULTIME NOTIZIE
Grande partecipazione all'incontro sul tema "Silter Dop: un formaggio prodotto nelle malghe di due parchi”
Non ci sono le condizioni di sicurezza per percorrere lo spettacolare itinerario
Sono 43 i richiesti a Corteno Golgi e 29 a Cedegolo