Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Arco, due persone denunciate dagli agenti della Polizia di Stato

lunedì, 14 giugno 2021

Arco – Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Riva del Garda (Trento) hanno denunciato due persone per porto ingiustificato di strumenti atti all’effrazione. Sono due le persone di 56 e 27 anni residenti in provincia di Bergamo, fermate e denunciate dalla Volante del Commissariato di Riva del Garda per violazione dell’articolo 707 del codice penale.

Gli agenti in via lungo Sarca ad Arco (Trento), durante i servizi di prevenzione e sicurezza disposti dal Questore, in concomitanza con l’arrivo della bella stagione, hanno fermato ed identificato l’autista di un camper che da poco aveva parcheggiato all’interno di un parcheggio utilizzato dai turisti che accedono al lago.

Gli Agenti all’atto del controllo notavano che sui sedili posteriori del mezzo vi era una sigaretta svuotata del tabacco e pronta per essere confezionata con altra sostanza. Insospettiti decidevano di perquisire il mezzo e la persona, rinvenendo sull’uomo alcuni grammi di hashish. Nel corso delle operazioni veniva trovato anche uno zainetto nuovo al cui interno era custodita una trancia appena acquistata. Nel camper venivano, inoltre, sequestrati un astuccio di stoffa, ove erano conservati un’altra trancia, una pinza ed un taglierino. Tutti strumenti utili nel caso si volessero rubare delle bici.

Mentre gli agenti perquisivano il mezzo sopraggiungeva l’altro passeggero che indossava uno zaino al cui interno custodiva un caschetto ed un giubbotto rifrangente, sebbene non avesse con sé alcuna bicicletta.

Questi elementi, uniti alla circostanza che le persone erano state fermate in prossimità di un parcheggio molto utilizzato dai numerosi ciclisti che da lì partono per le loro escursioni o per gli sport acquatici, alla condizione che entrambi erano già noti per reati contro il patrimonio, ha determinato gli Agenti a sequestrare tutti gli oggetti rinvenuti ed a denunciare per porto ingiustificato di strumenti atti all’effrazione entrambe le persone. I due, infine, sono stati segnalati al Commissariato del Governo per uso personale di sostanze stupefacenti.

In queste ore, infine, nei confronti dei due denunciati, è in atto l’emissione da parte del questore di Trento del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno dal Comune di Arco e comuni limitrofi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136