Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Vini: la targa sostenibilità a un'azienda agricola di Provaglio d’Iseo

Selezionati anche tre vini della filiera biologica di Villa d'Almè, Capriolo e Polpenazze del Garda

Provaglio d'Iseo (Brescia) - La Lombardia ha tre vini prodotti con filiera biologica. Nella categoria Selezione Vini Rosati entra il Bergamasca IGT Franconia 2022 Elegia di Oikos Coop Soc. di Villa d’Almè (Bergamo); per i Rossi Affinati il Curtefranca DOC 2020 della Az. Agr. Ricci Curbastro G. & Figli s.s. di Capriolo (Brescia), mentre per gli spumanti ha raggiunto la selezione il Riviera del Garda Classico DOC Spumante Rosé Brut millesimato 2022 Valzer, de L’Ulif di Polpenazze del Garda (Brescia).

La targa sostenibilità 2024 è stata assegnata a Barone Pizzini Soc. Agr.
di Provaglio d’Iseo (Brescia), come azienda che si è distinta per la sostenibilità ambientale del processo produttivo ‘dal campo alla tavola’.

Oggi più che mai serve una svolta chiara e drastica verso l’agroecologia,” ha commentato a margine dell’evento il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani (a sinistra nella foto durante la premiazione dell'azienda di Polpenazze). “È necessaria sia dal punto di vista ambientale che economico, anche per essere più competitivi sul mercato globale. In caso contrario, sarà sempre più complesso garantire la sopravvivenza del settore agricolo e assicurare cibo più sano alle cittadine e ai cittadini. Il ruolo dell'Europa sarà cruciale e dovrà andare nella giusta direzione, riallineandosi alle Strategie europee From farm to fork e Biodiversity e tornando a lavorare su misure ambientali strategiche e prioritarie, abbandonate dopo la rivolta dei trattori. Serve un nuovo patto per il futuro, non possiamo permetterci passi indietro.”

Ci auguriamo che sempre più produttori seguano l’esempio delle aziende che già promuovono l’agroecologia nella regione,” commenta Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “La Lombardia ha bisogno di imboccare la strada dell’agricoltura di qualità in tutti i settori, valorizzando così le caratteristiche dei territori e proteggendo la biodiversità.”
Ultimo aggiornamento: 23/06/2024 02:11:40
POTREBBE INTERESSARTI
Rovereto (Trento) - La costante attività di controllo del territorio, di prevenzione e repressione dei reati da parte...
Sirmione (Brescia) - Ciclista colpito da malore cada dalla bicicletta e muore. In mattinata in via San Martino della...
Caldes (Trento) - Indagini dei carabinieri sull'atto vandalico avvenuto a Caldes e contro la memoria di Andrea Papi....
ULTIME NOTIZIE
A metà novembre gli avversari saranno i romeni dell'Arcada Galati
La Procura attende le memorie difensive degli indagati