Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Darfo Boario: è nata l’Auser presieduta da Paola Cominelli

venerdì, 17 maggio 2019

Darfo Boario Terme – Nasce l’Auser Darfo Boario Terme (Brescia). E’ intitolata a Marco Facchinetti e vuole fare rete organizzando servizi innovativi per i bisogni disattesi.

Anche Darfo Boario Terme ha la sua Auser. E’ stata costituita nel marzo scorso e dopo l’adempimento degli obblighi previsti dalla legge è diventata un’Associazione a tutti gli effetti. Nasce per creare una rete con le altre Auser della Valle Camonica e per porsi al servizio del territorio. I 14 soci fondatori hanno deciso intitolare l’Auser di Darfo Boario Terme a “Marco Facchinetti” storico direttore didattico di Darfo 2, uomo giusto, impegnato nella società e nelle istituzioni, amante della cultura.

L’Auser – che a livello nazionale è stata costituita nel 1989 dalla Cgil e dal sindacato dei pensionati Spi-Cgil e che con la Cgil condivide i valori dell’antifascismo, della solidarietà e dell’inclusione sociale – è un’associazione di volontariato e promozione sociale impegnata soprattutto a favorire l’invecchiamento attivo e a valorizzare il ruolo degli anziani nella società, ma aperta al dialogo fra generazioni, nazionalità e culture diverse. Un’associazione per la quale sono centrali i bisogni ed i diritti della persona. Ecco perché l’azione dell’Auser non si limita solo alla terza età, ma spazia a 360 gradi nel mondo del sociale e della cultura. Nella quasi totalità dei casi la sua attività è svolta da volontari. Sul territorio nazionale l’Auser conta oltre 300 mila soci, di cui circa 45 mila volontari.

Auser Darfo Boario

L’attività è già iniziata: da qualche settimana, grazie a un volontario, uno dei soci fondatori del gruppo di Darfo, che si è messo subito a disposizione, è già partito un servizio di trasporto per gli anziani bisognosi, verso l’ospedale di Esine o altre strutture, o per altre esigenze. A breve l’Auser organizzerà – con lo scopo di farci conoscere – una serie di incontri culturali e divulgativi nella nostra sede presso la Casa delle Associazioni in via Ogliolo a Boario Terme. Il primo di questi incontri si terrà già lunedì 20 maggio. Un incontro organizzato con le Acli di Darfo che vedrà l’intervento del segretario provinciale Pierangelo Milesi sul tema delle elezioni europee del prossimo 26 maggio. Alla guida dell’Auser “Marco Facchinetti” Darfo Boario Terme è stata eletta Paola Cominelli (nella foto  a lato prima da sinistra), il vice presidente è Sergio Bonomelli, Pinuccia Do la segretaria. Oltre ai tre del direttivo i soci fondatori sono: Bruno Bordini, Italo Chitoni, Luigina Gaioni, Giovanna Medici, Rosa Pedersoli, Angiola Piccinelli, Doralice Piccinelli, Elisabetta Richini, Emanuela Tignonsini e Fulvio Toini.

Auser darfo 2“La voglia di fare non ci manca, le idee neppure – sostiene Paola Cominelli – stiamo infatti pensando di creare un ambulatorio di prossimità per le persone bisognose, abbiamo bisogno di tempo e di organizzare al meglio quello che potrebbe essere un servizio unico sul territorio della Valle Camonica, i nostri primi passi sono già concreti. E questo grazie ad un buon gruppo di persone che si sono messe subito al lavoro”.

A breve l’Auser incontrerà le altre associazioni del territorio e della città, quelle che condividono la sede di Boario. L’obiettivo è infatti quello di dare servizi al territorio, ma non sovrapporsi a progetti ed iniziative avviate da altre associazioni. “Il nostro obiettivo – concludono Paola Cominelli e Sergio Bonomelli – è fare rete, quindi collaborare con tutti per offrire il meglio a chi ne ha più bisogno. Siamo consapevoli che “insieme” si può fare molto. Abbiamo bisogno di tutti, di nuovi iscritti e volontari e del contributo delle istituzioni con le quali vogliamo collaborare. Vogliamo fare rete organizzando servizi innovativi cercando di rispondere ai bisogni che ad oggi restano disattesi”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136