Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Brescia, arriva la diagnostica domiciliare

Un servizio innovativo fornito da un'azienda bergamasca

Brescia - Ha preso avvio a Brescia il servizio domiciliare privato che già da 8 anni a Bergamo e provincia offre un importante servizio per tutti quei cittadini che hanno difficoltà negli spostamenti. Diagnostica Domiciliare lavorerà sul territorio bresciano garantendo il servizio domiciliare, fornito da un’azienda bergamasca nata nel 2016 che offre ecografie, radiografie, ecodoppler, ecocardiografie e visite cardiologiche direttamente a casa del paziente.
“L'azienda compie 8 anni il 20 di Maggio - commenta Luca Aresi, tecnico di Radiologia, ideatore e responsabile di Diagnostica Domicilare -. Dopo tanta esperienza oggi possiamo considerarci dei pionieri del settore. Abbiamo avuto il privilegio di servire oltre diecimila pazienti ed effettuare oltre quindicimila esami ottenendo una valutazione positiva dal 99,9% dei nostri clienti. Questo ci ha permesso di affinare i nostri servizi per soddisfare al meglio le esigenze dei nostri pazienti e collaboratori. Offriamo solo vantaggi: comodità per i pazienti, nessun rischio di infezioni ospedaliere, referti in tempi rapidi e l’esecuzione degli esami entro 24/48 ore dalla richiesta.
La nostra “mission” è trasformare in realtà il modello futuro di sanità basato sulla medicina decentralizzata, offrendo un servizio di alta qualità che rispetta la dignità e l’autonomia di ogni individuo e garantendo un accesso prioritario alle cure primarie”.
La metodica domiciliare offre un vantaggio per tutte le figure coinvolte, il paziente evita infatti il disagio dello spostamento e il rischio di infezioni. Il caregiver non deve "strapazzare” il malato e il medico può impostare una terapia in tempi super rapidi e in maniera semplice comunicandoci le informazioni per effettuare l'indagine.
Insomma, vuole essere una valida alternativa all'offerta sanitaria attualmente esistente che affronta con le poche risorse a disposizione le problematiche note. L'accesso domiciliare permette una corretta gestione di pazienti fragili, che meritano tempi e modi di esecuzione adeguati, inoltre rappresenta una soluzione per chi ha urgenza di una visita o per chi possiede una copertura assicurativa.
“Da qualche tempo avevamo iniziato ad effettuare indagini anche sul territorio bresciano vista la continua richiesta da parte dei Medici di Medicina Generale (MMG) e dei cittadini - hanno spiegato dall'azienda -. Per queste motivazioni abbiamo scelto di estendere anche su Brescia e provincia “Diagnostica Domiciliare” mettendo una sede logistica nel capoluogo bresciano. Fondamentale per noi è la scelta di creare un team di operatori e medici bresciani, in linea continua con il territorio, che possano rendere evidenti i vantaggi del servizio a tutte le differenti realtà del territorio tanto in città quanto sui laghi che nei territori meno abitati. Negli anni, abbiamo visto quanto il territorio ha apprezzato il nostro servizio, per noi l’orgoglio più grande è vedere che sono gli stessi pazienti a riferire ai medici o ai parenti quanto il nostro servizio sia utile e di qualità”.
Ultimo aggiornamento: 21/05/2024 00:36:27
POTREBBE INTERESSARTI
L'inflazione ha ridotto del 15% il potere d'acquisto
Promossa da Asst di Valcamonica su quattro aree tematiche
In programma sabato 29 giugno dall'Ordine degli Agronomi e Forestali di Brescia, iscrizione entro il 24 giugno
Organizzato da don Battista Dassa e dal gruppo "Dio cammina a piedi"
Gli incontri organizzati dall'associazione LOntàno Verde
Il rapporto verrà presentato domani nella sala civica di Cividate Camuno
ULTIME NOTIZIE
Bloccato dalla Polizia di Stato, il 30enne dovrà scontare 5 anni e 4 mesi di carcere
Bene tra le donne Bruna Ferracane e tra gli uomini Paco Cottone, Marco Casagrande e Pietro Massini