Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Bolzano, controlli della Polizia di Stato ed espulsioni

Bolzano - Al numero di emergenza “112 NUE” giungeva la richiesta di intervento da parte di un cittadino il quale segnalava una lite in atto nella zona di Ponte Roma tra due gruppi di giovani apparentemente stranieri. Inviata immediatamente sul posto dalla Centrale Operativa della Questura, una pattuglia delle “Volanti” identificava 3 cittadini pakistani e 3 cittadini marocchini, visibilmente agitati e con ferite in varie parti del corpo; con l’ausilio di un altro equipaggio della Polizia di Stato, tutti e 6 i soggetti coinvolti venivano accompagnati in Questura per ulteriori accertamenti ed al fine di chiarire i fatti.

I cittadini pakistani raccontavano agli Agenti che mentre erano seduti su alcune pietre poste a margine del fiume Isarco venivano avvicinati dai tre nordafricani che, con fare minaccioso e armati di coltelli, intimavano loro di consegnare i telefoni cellulari e tutti i soldi di cui erano in possesso.
Al netto rifiuto dei pakistani, questi ultimi venivano aggrediti con pugni e calci e con il lancio di una bicicletta; ciò faceva sorgere una violenta colluttazione tra le due fazioni.

I cittadini marocchini – tutti di età compresa tra i 23 e i 32 anni, uno già con a proprio carico precedenti penali per rapina – non riuscivano nel loro intento criminale a causa della decisa resistenza delle “vittime”; la situazione tornava alla normalità solo dopo l’arrivo delle “Volanti”.
Ricostruita la vicenda, i 3 cittadini marocchini venivano quindi tratti in arresto per tentata rapina aggravata e lesioni personali.

Parallelamente all’iter giudiziario, nella giornata di ieri il Questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori ha emesso, nei confronti di costoro, altrettanti Decreti di Espulsione, in modo da poterli rimpatriare quanto prima possibile nel Paese di origine.

“Quanto accaduto domenica rappresenta un evento delittuoso preoccupante, che poteva degenerare e provocare ben più tragiche conseguenze – ha evidenziato il Questore Sartori –. Il pronto intervento della Polizia è risultato efficace per impedire che ciò potesse accadere, e ad evitare che comportamenti di tal genere possano destare particolare allarme sociale e compromettere la civile convivenza. L’obiettivo è quello di mantenere il più elevato possibile il livello di legalità nella nostra Provincia, facendo percepire alla cittadinanza la vicinanza delle Istituzioni”.
Ultimo aggiornamento: 24/04/2024 17:14:38
POTREBBE INTERESSARTI
Aveva promesso a due imprenditori altoatesini un finanziamento di 4 milioni
ULTIME NOTIZIE
Promosso da Anei Valle Camonica e Polo Liceale di Breno
Programma e percorso della manifestazione del 26 maggio
Venerdì 31 maggio in sala Polifunzionale
20/05/2024 08:00 - 20/05/2024 23:00
20/05/2024 10:00 - 20/05/2024 11:00
20/05/2024 10:00 - 20/05/2024 11:00