Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Roda (FISI) sul lockdown di Natale: “Dpcm contro lo sci e la montagna. Non c’è rispetto, dimostrata ignoranza in materia”

venerdì, 4 dicembre 2020

Madonna di Campiglio – Il lockdown perfezionato dal Governo per il periodo natalizio è realtà, con conseguenze tragiche per il turismo invernale e interi territori di montagna.

“Le misure del nuovo Dpcm non tengono in nessun conto il mondo della montagna e degli sport invernali – ha detto il Presidente della Fisi, Flavio Roda, commentando il nuovo Dpcm-. Non c’è confronto, manca la conoscenza di base del mondo della montagna, che ha nel suo dna il rispetto delle regole. Sembra che tutto il contagio possa venire dal mondo dello sci, che è chiuso senza un vero motivo”.

“Noi facciamo attività sportiva, seguendo protocolli molto rigidi e nel rispetto delle regole – ha proseguito Roda -. Il nostro è l’unico sport che richiede il massimo rispetto delle normative in tutta Europa. E che rappresenta il traino per il turismo invernale, che genera un indotto enorme. Ma non c’è rispetto. Non veniamo nemmeno presi in considerazione. Chi ama lo sci e lo vorrebbe praticare deve restare a casa, gli impiantisti devono tenere chiuso, gli atleti di alto livello devono fare miracoli per riuscire ad allenarsi. Per loro è un lavoro, ma non sembra sia considerato”.

“Qual è il senso di tutto ciò? – chiede Roda al Governo – Penso che le autorità dovrebbero avere più rispetto del mondo della montagna e di quello che significa per l’Italia. Questo Dpcm dimostra solo ignoranza sulla materia”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136