Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Cantiere sulla statale 42, code tra Cividate e Breno

lunedì, 22 giugno 2020

Breno – E’ stato aperto il cantiere sulla statale 42 sul viadotto di Cividate Camuno (Brescia), prima della galleria provenendo da Esine e si sono subito create code, con disagi per gli automobilisti. L’accordo tra Anas e le amministrazioni comunali di Breno, Malegno, Cividate Camuno e Provincia di Brescia doveva tamponare l’emergenza sull’ex statale 42 a Cividate Camuno e Malegno, dove ci sono tre passaggi a livello e nel centro storico di Breno.

Breno - galleria - lavori 2Oggi – come previsto dall’accordo – è stato allestito il cantiere ed è stato istituito un senso unico alternato sulla strada del Tonale. I lavori sono iniziati sulla statale 42 dal viadotto di Cividate e nelle prossime settimane passeranno a quello Breno. La richiesta d’intervento – per un valore attorno a un milione e 800mila euro è stato sollecitato in base alla segnalazioni di automobilisti e residente della zona.

Statale 42 - lavori

I lavori – che dovrebbero concludersi se non ci saranno intoppi il 4 luglio – hanno creato già nella giornata odierna lunghe code sia in direzione di nord che sud. Nel primo pomeriggio gli incolonnamenti erano nell’ordine del chilometro, mentre nel tardo pomeriggio sono triplicati.

Breno - galleria - lavori 1

Il semaforo è temporizzato: un minuto a testa e chi cerca di fare il furbo viene sanzionato. Gli autisti che ogni giorno fanno spola tra Breno e Darfo hanno sollevato un’obiezione: “Ma proprio ora si sono svegliati per questi lavori?” Forse poteva essere utilizzato il periodo del lockdown dell’emergenza sanitaria, che avrebbe sicuramente limitato i disagi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136