Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ruffré e Mendola, visita di Fugatti alle materne riaperte: “Scuole, a settembre collaborazioni tra Comuni”

lunedì, 15 giugno 2020

Ruffrè – Obiettivo collaborazione per il bene e la sicurezza dei più piccoli. La gestione del post-emergenza Covid nelle scuole dei territori di montagna è stata affrontata dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, a colloquio con due sindaci dell’Alta Val di Non stamani in occasione della riapertura delle scuole dell’infanzia di Romeno e Ruffré-Mendola. mat“Questo servizio, garantito fino al 31 luglio, viene messo a disposizione delle famiglie che hanno la possibilità di accompagnare i loro figli in strutture dove viene promossa la socialità e la realizzazione di attività ludiche e formative nel rispetto dei protocolli. Sappiamo che ci sono genitori che, in questa fase, hanno preferito che i loro bimbi rimanessero a casa: vogliamo però rassicurarli, perché oggi come a settembre le nuove aperture saranno stabilite pensando al bene degli scolari e alla necessità di mamme e papà di conciliare famiglia e lavoro” sono state le parole del governatore, che al termine delle visite all’interno delle strutture ha voluto ringraziare le amministrazioni comunali che si sono attivate per favorire questa ripartenza, oltre che agli insegnanti e alle associazioni che hanno lavorato affinché il servizio di scuola dell’infanzia venisse garantito appena possibile. Il presidente Fugatti si è dunque soffermato sulla positività di eventuali collaborazioni tra Comuni che potranno essere attivate con l’avvio del nuovo anno scolastico e il sostegno dell’amministrazione provinciale: “A settembre – ha osservato Fugatti – serviranno spazi più ampi per adempiere alle prescrizioni contenute nei protocolli di sicurezza per le attività di asilo nido, scuola d’infanzia e primaria di primo grado. I locali di cui dispone un Comune potranno essere utilizzati anche da altri, in base alle necessità e alle sinergie esistenti tra le varie amministrazioni locali.

La visita in Alta Val di Non del presidente della Provincia è iniziata con l’incontro di bimbi e insegnanti nella scuola dell’infanzia di Romeno. Qui, Fugatti è stato accompagnato dal sindaco Luca Fattor che ha presentato la struttura dove attualmente vengono accolti 5 dei circa 30 bambini che solitamente frequentano le attività: “Si tratta di una prova generale di ritorno alla normalità in assoluta sicurezza. Un’iniziativa che riteniamo importante, perché ci consente di valutare ogni aspetto in vista della riapertura autunnale”. Nel paese di Ruffré, al servizio di scuola dell’infanzia hanno aderito 7 delle 9 famiglie solitamente interessate: “Adottando i giusti accorgimenti, siamo riusciti a riaprire la scuola nel rispetto delle norme anti-Covid – ha spiegato il sindaco Donato Seppi -. L’obiettivo della nostra amministrazione è anche quello di promuovere l’asilo estivo a partire dal mese di luglio con bambini provenienti dai comuni limitrofi, che pensiamo possa riscuotere il successo dello scorso anno grazie alla presenza di una maestra madrelingua di tedesco”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136