Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Ripresa l’attività vaccinale in provincia di Trento

giovedì, 2 luglio 2020

Trento - Sono riprese in provincia di Trento, dopo la sospensione dovuta all’emergenza Coronavirus, le vaccinazioni dell’infanzia, adolescenza e adulti. Per rispettare le misure di prevenzione contro la diffusione del Covid-19 sono cambiate le modalità organizzative e sono state programmate sedute vaccinali in ambienti idonei a mantenere il distanziamento interpersonale. La chiamata alla vaccinazione viene fatta con lettera o, in alcuni casi, telefonicamente partendo dalle persone che avevano già iniziato un ciclo vaccinale prima della sospensione. Per ogni seduta, saranno convocati un numero di persone tale da non causare l’affollamento delle sale di attesa e gli operatori sanitari utilizzeranno dispositivi di protezione idonei per lavorare a distanza ravvicinata.

L’Apss ribadisce l’importanza di questo importante strumento di sanità pubblica e raccomanda l’adesione alle vaccinazioni. Come si ricorderà da fine marzo erano state sospese le vaccinazioni dei bambini, tranne quelle dei bambini dal terzo mese fino ai due anni di età, degli adolescenti e degli adulti tranne quelle per le donne nel corso del terzo trimestre di gravidanza e per i pazienti ad alto rischio quali ad esempio gli immunodepressi.

Ora si riprende con i richiami del sesto anno di vita – cioè contro difterite, pertosse, tetano, polio, morbillo, parotite, rosolia, varicella – la vaccinazione anti papilloma virus per i ragazzi e ragazze nel dodicesimo anno di vita e i richiami contro tetano, pertosse, difterite, polio, meningite ACWY nel quindicesimo anno di vita nonché con le vaccinazioni degli adulti contro encefalite da zecca e, per i sessantacinquenni, herpes zoster e pneumococco.

Le vaccinazioni sono effettuate ad Arco, Borgo Valsugana, Cavalese, Mezzolombardo, Rovereto, Pergine Valsugana, Pozza di Fassa, Primiero-Tonadico, Tione, Trento e si prevede di concludere i richiami entro la fine di agosto. In particolare per quanto riguarda il capoluogo le vaccinazioni, che sono effettuate nella palestra dell’Istituto tecnico tecnologico Buonarroti, si concluderanno il 24 agosto.

Grazie alla collaborazione con Scuole, Comuni, Comprensori, Protezione civile del Trentino è stato possibile reperire locali idonei attrezzati per garantire la vaccinazione in sicurezza. Un ringraziamento per la fattiva partecipazione va altresì ai Vigili del fuoco volontari, all’Associazione nazionale Carabinieri, all’Associazione Alpini con i Nu.Vo.La. per il supporto nella gestione logistica delle sedute vaccinali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136