QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

La Val di Sole piange l’artista Vallorz, grande protagonista del Novecento

martedì, 28 novembre 2017

Caldes – Addio all’artista solandro Paolo Vallorz, morto a Parigi all’età di 86 anni. Originario della Val di Sole, nato a Caldes (Trento) il 3 agosto 1931, era divenuto uno dei riferimenti dell’arte figurativa mondiale. Incontrò la pittura già in giovane età, frequentando per un anno, nel 1948, l’Accademia di Belle Arti a Venezia, sotto la guida del Maestro Guido Cadorin. L’anno successivo si trasferì a Parigi, dove frequentò l’Accademia Libera della Grande Chaumière du Montparnasse. Per evitare il servizio militare visse in clandestinità. In questi anni frequentò Alberto Burri, César, Yves Klein, Giacometti e Pierre Restany nel quartiere latino. La sua produzione di quegli anni fu di carattere astratto, inizialmente opere geometriche, quindi informali. Vallors

Negli anni della maturità, Paolo Vallorz (nella foto) riacquistò personalmente le opere di questo periodo per distruggerle, in quanto non si riconosceva più in quanto realizzato. Eseguì numerosi oggetti in ferro battuto e l’altare della chiesa di Vermandovilliers nella Francia settentrionale.

Nel 1956 fu conquistato dalla passione per le macchine da corsa: con Jean Tinguely progettò, realizzò e guidò una vettura nella 24 ore di Le Mans del 1958. Riprese poi a dipingere, privilegiando i paesaggi, soprattutto della sua valle natia, la Val di Sole. Nella prima metà degli anni Sessanta espose a New York, due volte, partecipò a svariate collettive a Parigi ed a Tolosa, ottenne anche il primo premio di pittura alla Tate Gallery di Londra.

Nel 1967 espose alla Gallerie Claude Bernard a Parigi, nel 1970 a Castel Caldes presentò una personale, poi due esposizioni a Milano ed una a Torino. Sempre in questi anni partecipò ad importanti mostre collettive a Darmstadt e Pittsbourgh.

Si occupò anche di rivalutare e riqualificare l’opera di un gruppo di artigian-artisti della Val di Sole, fra cui spiccano gli artisti: Mauro Pancheri, Albino Rossi e Luciano Zanoni; l’artigiano Bruno Baggia. Nel 1978, a Milano, ci fu l’esposizione della serie «Albe e tramonti». Le sue partecipazioni a collettive italiane e francesi sono numerosissime.

Nel 1993 Vallorz donò un cospicuo numero di opere al MART inerenti tre nuclei tematici corrispondenti ai suoi soggetti preferiti degli ultimi vent’anni del XX secolo: il paesaggio, la natura morta e il ritratto. Il MART gli ha dedicato due personali: «Paolo Vallorz. La Natura come Storia dell’uomo», nel 2005, e «La donazione Paolo Vallorz» nel 2011.

Nel 1995, Jean Clair direttore del Museo Picasso a Parigi e suo grande estimatore lo invitò ad esporre nell’importantissima rassegna Identità e alterità che celebrava il centenario della Biennale di Venezia. Negli anni seguenti continuò a dipingere, prevalentemente paesaggi; nel 1998, Jean Clair volle varie sue opere raffiguranti cieli e montagne per una Mostra che stava organizzando. Negli ultimi anni si è dedicato a raffigurare dettagli dei paesaggi che tanto ama, in particolare un soggetto: tre piante che partono da un unico gruppo di radici, ubicate sul monte Peller, nei pressi di Caldes. E’ morto a Parigi, la città che l’aveva visto esprimere il meglio della sua capacità creativa e comunicativa.

Tante le reazioni in Trentino alla morte dell’artista. Il presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi lo ricorda così: “Un uomo, un artista, un esempio di come l’amore per la propria terra possa essere la chiave per aprire una porta sul mondo”. “La sua esperienza – prosegue Rossi – frutto di un percorso intenso e ricco di incontri con molti fra i protagonisti dell’arte contemporanea, i suoi lavori, la sua ricerca, le esposizioni, tutto ciò che ha contribuito a ritagliare per lui un ruolo tanto autorevole meritano la nostra ammirazione e la nostra riconoscenza. Il suo sincero attaccamento alla Val di Sole, dove è nato, e al Trentino tutto lo hanno reso un vero ambasciatore della nostra terra che, grazie alla sua mano, potrà vivere del fascino e dell’immortalità che solo l’arte autentica sanno dare”. Invece il presidente del Consiglio provinciale, Bruno Dorigatti, commenta: “La notizia della scomparsa di Paolo Vallorz colpisce il Trentino tutto con la forza del vento freddo del nord che rende tutto più duro e doloroso, perché egli è stato uno dei più grandi protagonisti dell’arte trentina nel Novecento. Con lui si perde, non solo un maestro di rilevanza internazionale, ma anche un testimone attento di questa terra, la quale, oggi colpita da questo lutto, si inchina deferente nell’apprezzamento e nel ricordo”.

L’A. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136