QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Settimana europea della mobilità sostenibile, i dati sull’uso della bicicletta

lunedì, 19 settembre 2016

Trento – Impatto su salute e ambiente dell’uso della bici in Trentino. I dati dell’Osservatorio per la salute della Provincia autonoma di Trento.

In occasione della Settimana europea della mobilità sostenibile l’Osservatorio per la salute della Provincia autonoma di Trento ha messo a disposizione una scheda con informazioni, raccolte grazie al sistema di monitoraggio PASSI e aggiornate al 2015, sull’impatto su salute e ambiente dell’uso della bicicletta per gli spostamenti abituali in Trentino. Emerge che attualmente circa il 19% dei trentini usa la bicicletta per spostamenti abituali almeno una volta al mese (in media per 4,2 giorni a settimana e per 32 minuti al giorno). Aver utilizzato la bici, anziché l’automobile, ha evitato complessivamente l’emissione di 18.100 tonnellate di CO2 in un anno. Grazie agli effetti positivi dell’attività fisica praticata si stima siano stati evitati 19 decessi all’anno. Un aumento al 30% della popolazione che usa la bici (per mezz’ora al giorno, per cinque giorni alla settimana) eviterebbe ogni anno ulteriori 15 decessi e 13.400 tonnellate di CO2 emesse.

Secondo i dati del sistema PASSI negli anni 2014-2015, in provincia di Trento la prevalenza di persone che usano la bicicletta negli spostamenti abituali almeno una volta nell’ultimo mese è del 19% (14% in Italia). Chi si muove in bicicletta lo fa mediamente per 4,2 giorni a settimana (3,8 giorni in Italia), per 32 minuti al giorno (35 minuti in Italia).

L’uso della bici, anziché dell’automobile, ha evitato l’emissione di 18.100 tonnellate di CO2 in un anno (1.540.000 tonnellate in Italia). Il programma HEAT (Health Economic Assessment Tool) dell’OMS ha permesso di stimare la riduzione della mortalità (in età 18-69 anni) in base ai giorni e ai minuti di mobilità in bicicletta; pari al 13%, per un risparmio complessivo di 19 decessi annui, ossia 28 decessi ogni 100.000 ciclisti. In Italia i decessi annui evitati sono 2.010. Se in Trentino si arrivasse a una prevalenza di uso della bici del 30% (per mezz’ora al giorno, per cinque giorni alla settimana) si eviterebbero ogni anno ulteriori 15 decessi e 13.400 tonnellate di CO2 emesse.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136