Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


I risultati di Roberto Pellè al Rally del Ciocco e Valle del Serchio

lunedì, 24 agosto 2020

Trento - Sorride a denti stretti Roberto Pellè, al rientro da un Rally del Ciocco e Valle del Serchio che lo ha visto a lungo protagonista, prima di un passo falso sul finale. Il pilota trentino, assieme a Giulia Luraschi, ha colto una terza posizione di classe e di gruppo, tra le vetture Racing Start, unita ad un’amara quinta posizione finale nella Suzuki Rally Cup. Foto di Ivan Zortea.

pelle Ivan ZorteaPronti, via e dopo le prime tre prove speciali il portacolori di Destra 4 Squadra Corse si insediava al secondo posto di classe e di gruppo, dando vita ad un bel duello con Martinelli.

Sul primo passaggio di “Careggine” Pellè dava un’importante spallata al diretto rivale, guadagnando una decina di secondi, ma rischiando di vanificare il tutto con un jolly giocato sulla ripetizione di “Tereglio”, sporcatasi notevolmente per la seconda tornata.

Il fondo della Tereglio e della Bagni di Lucca era disastroso – racconta Pellè – ed abbiamo trovato uno sporco assurdo. Sulla prima ripetizione, dopo aver raggiunto la Ford Fiesta che ci precedeva, ci siamo girati tra i muri, fortunatamente senza far alcun danno. Abbiamo fatto manovra, perdendo tempo utile nella nostra rimonta. Davvero un peccato, stavamo spingendo”.

Nonostante questo il pilota della Suzuki Swift 1.0 turbo in versione Racing Start, curata da A. Bi. Car Racing, passava il giro di boa della giornata al secondo posto di classe e di gruppo nonché ai piedi del podio nella generale della Suzuki Rally Cup.

Annullata la sesta speciale si ritornava a battagliare sulla ripetizione della “Il Ciocco” e Pellè agguantava il terzo posto, nel monomarca della casa giapponese, seppur di un soffio.

Il trentino riusciva a contenere il rientro della concorrenza presentandosi, a due sole prove speciali dal termine, con un vantaggio di 8”1 su Scalzotto, nella Suzuki Rally Cup, e di una decina di secondi su Martinelli, per la lotta in classe ed in gruppo tra le Racing Start. Fatale si rivelava la seconda tornata su “Bagni di Lucca” con Pellè che, nell’evitare una grossa pietra in strada, andava ad impattare contro un cordolo, danneggiando la propria vettura.

Sulla decima speciale – aggiunge Pellè – cercando di evitare un sasso in traiettoria abbiamo preso male il taglia e siamo finiti contro un cordolo. Abbiamo piegato un braccetto anteriore ed il ponte posteriore. Abbiamo deciso di non mollare ed abbiamo percorso in queste condizioni metà speciale oltre ad un trasferimento di un’ora e venti. Non volevamo sprecare questa gara”.

Riuscito a presentarsi allo start dell’ultimo impegno di giornata, il terzo passaggio su “Careggine”, Pellè arginava al meglio possibile il danno e, con una Swift malconcia riusciva a concludere l’appuntamento toscano sul podio, tra le Racing Start, e quinto nel monomarca.

Grazie al lavoro di Alessandro Bisoffi e di tutto il team – sottolinea Pellè – la nostra Swift ora lavora benissimo con le gomme. È stata una gara ad eliminazione, tanti i ritiri. Va bene così”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136