Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Atletica leggera, gli atleti trentini conquistano ben undici medaglie a Modena

domenica, 18 ottobre 2020

Trento - Il mezzofondo trentino si conferma ancora una volta assoluto protagonista del panorama italiano: sono ben undici le medaglie raccolte dai trentini nel fine settimana della Festa dell’Endurance allo stadio di Modena ha visto assegnati i titoli italiani (Assoluti, promesse, juniores ed allievi) delle distanze medio-lunghe, dai 1500 metri ai 5000, passando da siepi e marcia.

Il sabato sulla via Emilia era stato ricco di soddisfazioni per il Trentino con ben sei medaglie (1 oro, tre argenti, due bronzi, qui il dettaglio) e la domenica ha permesso di arricchire ancor più il bottino, portando in bilancio anche tre ulteriori titoli tricolori e due argenti.

Nadia Battocletti © Colombo- FidalNadia Battocletti (Fiamme Azzurre) era tra le protagoniste più attese del fine settimana modenese e la ventenne di Cavareno (nella foto credit Colombo – Fidal Trentino) non ha deluso le aspettative, interpretando da regina assoluta i 5000 metri, trasformandoli in un lungo assolo completato con il nuovo primato personale di 15’46″26 che le è valso la duplice medaglia d’oro, assoluta e under 23 di giornata. Niente da fare per le avversarie, tutte oltre la barriera dei 16′ con Ludovica Cavalli e Martina Merlo che si sono incaricate di completare il podio assoluto.

In precedenza sul gradino più alto del podio era salito l’altro figlio d’arte Pietro Pellegrini. Il portacolori dell’Atletica Valle di Cembra allenato da papà Ivano ha voluto fare la voce grossa nei 3000 metri juniores, firmando la propria magistrale gara con un rombante 8’32″44 (poco meno di 30″ di PB) che gli ha consentito di superare la resistenza del laziale Marco Ranucci, costretto ad inchinare la testa di fronte al finale del cembrano; poco dietro, settimo posto per il roveretano Daniel Rocca (Lagarina Crus Team).

Ed il fine settimana tricolore ha riservato una doppia gioia anche per l’altro junior Massimiliano Berti (Atletica Valchiese): argento sabato nei 3000 siepi, argento oggi nei 5000 metri, secondo solo al bergamasco Alain Cavagna. Lo storese allievo di Ennio Colò ha chiuso la propria fatica in 14’36″58 confermando anche sul palcoscenico tricolore il sensibile salto di qualità che l’ha visto protagonista in questi ultimi mesi.

In zona medaglia anche la lagarina Vittoria Giordani (Us Quercia Trentingrana), autentica habituè del podio tricolore nella marcia e capace di chiudere al secondo posto la graduatoria under 23 dei 10 chilometri di marcia con il nuovo primato personale di 49’26. Nella gara che ha visto Antonella Palmisano stabilire il nuovo primato italiano (41’28) la marciatrice gialloverde ha chiuso al nono posto assoluto nella scia della bergamasca Beatrice Foresti (a lei il titolo tricolore U23), risultando la migliore tra le atlete nate nel terzo millennio. Sempre nella marcia, quarto posto nei 10km juniores per il valsuganotto Aldo Andrei (Gs Valsugana Trentino, 42’59).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136