Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Quale futuro per le aziende zootecniche del Trentino

giovedì, 3 dicembre 2020

Trento – Quale prospettive riserva al Trentino la nuova PAC (Politica Agricola Comunitaria) per il settennio 2021-2027?

alpeggio mucche“Sono rimaste ormai meno di 800 le aziende agricole zootecniche “full-time” presenti sul territorio trentino. Rappresentano il solo 15% del miliardo di euro che vale l’intera PLV agricola provinciale.
Coltivano a prato pascolo un’estensione di oltre 110 mila ettari. Dove la superficie coltivata complessiva in Trentino, da tutta la frutticoltura e viticoltura messe assieme, vale meno di 30mila ettari appena!
Eppure rimane ancora determinante il contributo che la Comunità Europea offre al settore. Come si sta muovendo ora ed in tal senso, la Provincia?
Sono sufficientemente tutelati gli interessi dei nostri allevatori? In merito, abbiamo voluto interrogare la giunta provinciale”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136