Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


La celebrazione della 42a Festa della Fratellanza a Passo Paradiso

domenica, 18 agosto 2019

Passo Tonale – Centinaia di persone si sono ritrovate stamani a Passo Paradiso per la 42esima edizione della Festa della Fratellanza. fratellanza6Alla celebrazione erano presenti i rappresentanti di Kaiserschützen, Kaiserjäger e Standschützen, delle Compagnie Schützen, della Croce Nera Austriaca, dei Gruppi Alpini, delle Associazioni ex Combattentistiche e delle associazioni di volontariato della Val di Sole e della Valle Camonica, quindi il Corpo Bandistico di Ossana-Vermiglio e il corpo musicale Sant’Assunta di Tassullo.

fratellanza7

Con loro c’erano le autorità con in testa il sindaco di Vermiglio, Anna Panizza, l’assessore di Regione Trentino Alto Adige, Claudio Ca, i consiglieri della Provincia di Trento, Ugo Rossi, Lorenzo Ossanna e Ivano Job, Franco Panizza, presidente del Patt, Guido Redolfi, presidente Comunità Valle di Sole, l’assessore Luciana Pedergnana, quindi rappresentanti e assessore del Comune di Ponte di Legno e i sindaci di Terzolas e Croviana, i carabinieri della stazione di Vermiglio, la Guardia di Finanza della Val d Sole e del comando provinciale di Trento, le Truppe Alpine e tantissimi cittadini della Val di Sole e della Val Camonica.

fratellanza

I gruppi e le autorità si sono ritrovati a Capanna Presena e hanno sfilato fino a Passo Paradiso, dove al Monumento della Fratellanza si è svolta la celebrazione con la Santa Messa, presieduta da Padre Giorgio Valentini con accanto don Enrico Pret, parroco di Vermiglio, quindi la cerimonia con l’intervento di Achille Serra e degli amministratori locali. Cerimoniere della “festa” Marcello Serra.

Durante l’omelia padre Giorgio Valentini ha ricordato i valori della pace e della fratellanza che uniscono le comunità e le diverse nazioni ed ha evidenziato un episodio della prima battaglia della Grande Guerra, nel giugno 1915, quando gli austriaci e italiani si aiutarono nella cura dei feriti sul ghiacciaio Presena e questo gesto andò oltre quanto stava accadendo sulle montagne di confine.

fratellanza2

“Questo episodio – ha detto padre Giorgio Valentini – è un esempio che i gesti di solidarietà e di fratellanza vanno al di là di tutto”. Nell’omelia padre Valentini ha invitato tutti i presenti, le autorità, gli amministratori, i politici a lavorare per il “bene del Paese nel segno della pace”.

Dopo la deposizione delle corone al monumento alla Fratellanza, opera di Emilio Serra, che da 42 anni ospita delegazioni austriache e italiane unite nella festa della fratellanza, sono intervenute le autorità, in particolare il sindaco di Vermiglio, Anna Panizza, e Achille Serra, figlio di Emilio ideatore della manifestazione, che hanno sottolineato il significato di questa festa che va al di là di ogni appartenenza e di ogni confine.

fratellanza3

Tra il 1915 e il 1918 i due eserciti, italiano e austriaco, si affrontarono in una estenuante guerra di posizione, in condizioni climatiche estreme, di cui ancora oggi troviamo le crude testimonianze. Il primo scontro avvenne il 9 giugno 1915: l’attacco italiano venne respinto dalle linee austroungariche e la linea del fronte si attestò a Passo Paradiso, per là rimanere fino al 1918. Nel solo inverno 1916-1917, straordinariamente freddo e funestato da innumerevoli valanghe, sul fronte italo-austriaco che correva dallo Stelvio al Garda, morirono 30.000 soldati. Nell’estate 1915, il paese di Vermiglio, già privato degli uomini inviati al fronte, venne evacuato nel campo profughi di Mitterndorf, nell’Austria superiore: gli sfollati furono 1500 e di essi, 204 non fecero ritorno. Oggi quegli eventi tragici hanno numerosi luoghi simbolo:

fratellanza5

Oggi si è così perpetuata l’intuizione di Emilio Serra e di Kurt Steiner, che dal 1977 hanno voluto sui luoghi della Guerra Bianca i vecchi nemici, ora impegnati in un comune percorso di pace. E ancora una volta, l’organizzatore è stato Achille Serra, figlio di Emilio, in collaborazione con il Comune di Vermiglio e la collaborazione della Croce Nera Austriaca, Azienda per il Turismo Val di Sole, Protezione Civile, Associazione Nazionale Alpini, Federazione Italiana dei Combattenti Alleati, Incontri Italo-Austriaci della Pace, Pro Loco Vermiglio, Adamello Ski, Carosello Tonale.

La festa della Fratellanza, per un maggior coinvolgimento della comunità, si è conclusa con un momento conviviale ai laghetti di Vermiglio.

VIDEO



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136