Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Dpcm e nuovo lockdown, verso il vertice decisivo Governo-Regioni: per lo sci il Trentino valuta la “strada” altoatesina

mercoledì, 13 gennaio 2021

Madonna di Campiglio – Sul Dpcm sono ore frenetiche: il Governo ha confermato la propria decisione a favore del proseguimento del lockdown, freme il mondo della montagna che vedrebbe saltare la stagione turistica invernale in caso di un ennesimo rinvio. L’Alto Adige ha già annunciato una riapertura destinata ai soli residenti della provincia finché rimarrà zona gialla e quindi con possibilità di muoversi tra i Comuni, col proposito di richiudere tutto in caso di peggioramento della condizione epidemiologica. Il Trentino è pronto a seguire la strada tracciata da Bolzano, ma attende domattina il confronto tra Regioni e Governo. Successivamente verrà presa la decisione finale da parte del governatore Fugatti e della Giunta. Nel frattempo si va formulando da tutti i territori alpini una proposta precisa al Governo per quanto riguarda i ristori che riguardano aziende del settore e non, lavoratori.

Siamo stufi delle prese in giro da parte dei politici. Il mondo della montagna invernale non può più attendere. Serve una data certa in tempi stretti, altrimenti si tiene chiuso fino all’estate ma con ristori efficaci“, spiegano gli operatori trentini.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136