Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Covid-19: 31 nuovi contagi e cinque decessi in Trentino, da domani permesse le passeggiate

martedì, 28 aprile 2020

Trento – In Trentino ci sono nuove aperture: domani – secondo l’ordinanza firmata dal presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, sarà consentito lo svolgimento di attività motoria e passeggiate a piedi nel proprio Comune di residenza, a distanza di un metro l’uno dall’altro e a 2 metri per attività sportive. Inoltre è previsto per i minori la possibilità di essere accompagnati da entrambi i genitori o da congiunti con però mascherina quando si incontra qualcuno. Le librerie riapriranno dal 4 maggio. Il Governatore trentino ha chiarito il significato di questa ordinanza che “però deve avvenire con prudenza e in massima sicurezza per evitare una ripresa del contagio”. Il presidente Fugatti ha ipotizzato una legge trentina, di cui è stato informato il Consiglio provinciale, per anticipare a maggio l’apertura di alcune attività. L’iter è iniziato e a breve sarà discusso il provvedimento dal Consiglio provinciale.

Il punto sull’emergenza coronavirus è stato tracciato dalla task force provinciale, presenti il presidente Maurizio Fugatti e l’assessore provinciale alla salute Stefania Segnana, dal dirigente di Apss, Antonio Ferro, dirigente provinciale della Protezione Civile, Raffaele de Col, a moderare il responsabile dell’ufficio stampa della Provincia, Giampaolo Pedrotti.

Trento Segnana - Fugatti - PedrottiL’assessore Segnana ha informnato della riapertura dei centri diurni con calendario articolato sulla prossima settimana, prima dell’apertura ci dovrà essere una sanificazione degli ambienti, mentre su ospiti e personale saranno effettuati 2mila tamponi. Inoltre ci sarà anche una riorganizzazione dei bus per il trasporto degli ospiti dei centri diurni. Sul bonus alimentare: su 16.559 domande ne sono state accolte 11.204.

I dati: nelle ultime 24 ore sono stati registrati in Trentino cinque decessi, da inizio pandemia sono quindi 412 i trentini morti per Covid-19. I nuovi contagi sono 31 con ben 7 minorenni in cura a domicilio. L’incidenza tra tramponi effettuati e nuovi contagi è pari al 4%. Le persone guarite: 19 fino a 10 anni; da 11 a 20 anni 21 persone; 150 guariti da 21 a 30; 200 da 31 a 40 anni; 335 da 41 a 50 anni; 434 da 51 a 60 anni; 244 da 61 a 70 anni; 164 da 71 a 80 anni; 129 da 81 a 90 anni e 34 da 91 a 100 anni.

Le persone contagiate sono 1.224 a domicilio, 713 in Rsa, 41 in case di cura, 189 ricoverati, 15 in strutture intermedie e 22 in Terapia Intensiva. Tra i contagi si segnala un nuovo caso (sono 571 complessivi) a Trento, 2 (168) a Rovereto, 2 (144) a Riva del Garda, 2 (95) a Borgo Chiese, 1 (38) a Campitello di Fassa, 1 (238) a Pergine Valsugana, 1 (24) a Canal San Bovo, 1 (76) a Pieve di Bono, 1 (342) ad Arco, 1 (96) a Lavis, 2 (158) a Ledro, 1 (10) a Campodenno, 1 (18) a Tenno, 1 (75) a Cles, 1 (59) a Vermiglio e 2 (103) a Storo.

Il dottor Antonio Ferro ha illustrato come si è sviluppato il contagio Covid-19 in Trentino, quindi Raffaele De Col ha spiegato invece che le ragioni per le quali è consentito spostarsi all’interno del proprio Comune sono le stesse di prima, a cui si aggiungono quelle riguardanti l’attività motoria (passeggiate e corse a piedi per le quali non è richiesta l’autocertificazione); non è previsto che si possa rimanere fuori casa per l’intera giornata.

Per quanto riguarda la possibilità di effettuare passeggiate in montagna fuori dal territorio comunale, a partire del 4 di maggio, il Trentino come gli altri territori è in attesa di indicazioni dal livello nazionale. Ed ancora: i minori possono spostarsi da soli? Allo stato attuale si prevede che il minore possa uscire da solo o accompagnato da familiari (anche i due genitori, o un altro congiunto maggiorenne, come un fratello o una sorella).
Sul versante economico, il decreto che entrerà in vigore dal 4 maggio prevede anche l’apertura di cantieri al chiuso, ma solo per determinate tipologie, in particolare l’edilizia pubblica.

Rimane la problematica relativa al probabile ritorno al lavoro di molti i genitori a fronte della chiusura delle scuole e degli asili, che costringe invece i figli a rimanere a casa. La Provincia – ha concluso Fugatti – “sta esplorando diverse soluzioni, dai congedi parentali ai voucher per servizi di baby-sitting, fino all’apertura dei centri estivi, qualora però il contagio continui a stabilizzarsi. Il problema non è naturalmente di facile soluzione, soprattutto con riferimenti ai più piccoli”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136