Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Arco, in biblioteca si può di nuovo studiare

venerdì, 26 giugno 2020

Quando:
30 giugno 2020@14:55–15:55 Europe/Rome Fuso orario
2020-06-30T14:55:00+02:00
2020-06-30T15:55:00+02:00

Da lunedì 29 giugno la biblioteca civica «Bruno Emmert» di Arco offre la possibilità di studiare nei propri spazi, su prenotazione in dodici postazioni riservate.

 

Giovedì 18 giugno la biblioteca ha riaperto i propri spazi agli utenti con ingressi contingentati (massimo 27 persone), per un tempo massimo di permanenza di un’ora (in caso di ricerca e consultazione di documenti) e disponendo i tavoli a tre metri di distanza l’uno dall’altro.

 

Osservata l’affluenza, si è notato che il pubblico si reca in biblioteca esclusivamente per il prestito e la restituzione, sicché attualmente i tavoli non sono utilizzati. Nel frattempo sono pervenute richieste da parte degli studenti di poter utilizzare i tavoli per più di un’ora per studiare.

 

Considerata la disposizione delle sale, che permette di separare le sale di studio dalle sale di maggior utilizzo per la ricerca e il prestito di documenti, si è deciso di riservare dodici posti (su prenotazione) allo studio.

 

Rimangono ovviamente in vigore tutte le disposizioni anti-covid: il controllo della temperatura e l’igienizzazione delle mani all’ingresso, l’utilizzo della mascherina, il ricambio dell’aria nelle sale e l’igienizzazione dei tavoli dopo l’utilizzo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136