QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passo Tonale: in centinaia per la celebrazione del 4 Novembre. Cappellini: “Coltiviamo la pace”. FOTO

mercoledì, 4 novembre 2015

Passo Tonale – Una celebrazione molto sentita, quella che si è tenuta oggi alla presenza di centinaia di alpini, autorità civili e religiose al Passo Tonale.

Prima la cerimonia religiosa, quindi il corteo dalla chiesetta del Tonale al Sacrario Militare per la deposizione della corona d’alloro.

Un momento importante – ha detto il presidente della sezione Ana Vallecamonica, Giacomo Cappellini, organizzatore della cerimonia del 4 Novembre al Tonale – e oggi più che mai abbiamo capito il valore della pace“ (Nelle foto alcuni momenti della celberazione del 4 Novembre al Passo Tonale)

 

Centinaia le persone che sono salite al Tonale dalla Valle Camonica e dal Trentino, presenti più di 50 gruppi delle penne nere e le sezioni di Trento, Bergamo e Brescia. “Ritrovarci qui il 4 Novembre – ha rimarcato il presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli – ha un significato particolare e non solo per la storia, ma per un Passo che unisce due comunità  dove si è combattuta la Prima Guerra Mondiale“.

La cerimonia del 4 novembre al Passo Tonale, organizzata dalla sezione Ana Vallecamonica, ha da sempre l’obiettivo di onorare i Caduti per la Patria ed esprimere solidarietà alle Forze Armate nel centenario della Grande Guerra.  All’invito del presidente della sezione Ana Vallecamonica, Giacomo Cappellini, hanno risposto in tanti – sicuramente in numero maggiore degli scorsi anni, fors’anche per il clima gradevole –  alpini, associazioni d’arma, autorità e cittadini.

PROGRAMMA
Alle 10.15 il ritrovo presso la chiesa del Passo Tonale, mezz’ora più tardi la Santa Messa celebrata da sei sacerdoti, tra cui i parroci del Tonale e di Vermiglio. Presenti alla cerimonia la maggior parte dei sindaci della Valle Camonica, da Aurelia Sandrini (Ponte di Legno) a Roberto Menici (Temù), da Giovan Maria Rizzi (Vezza d’Oglio) a Luca Masneri (Edolo), da Stefano Gelmi (Malonno) a Bernardo Mascherpa (Paisco Loveno), quindi l’assessore del Comune di Vermiglio Valentina Mariotti, il presidente del Bim, Oliviero Valzelli. Tra le autorità militari presente il Maggiore, Salvatore Malvaso, quindi il Maresciallo Capo della Guardia di Finanza di Edolo, Massimo Caloro,  il colonnello Biasotti, il comandante della stazione dei carabinieri di Ponte di Legno,  infine uomini dell’Arma in congedo.

Al termine della celebrazione religiosa il saluto del presidente Ana Vallecamonica, Giacomo Cappellini che ha rimarcato che “con il 4 Novembre è iniziato un processo di unificazione e questa data non è la fine di un conflitto, ma l’inizio di un nuovo cammino quello dell’unione del territorio e quello di coltivare la pace”, quindi gli interventi del colonnello Biasotti, del sindaco di Ponte di Legno, Aurelia Sandrini, e di Carlo Sonzogni, consigliere nazionale dell’Ana. Il sindaco di Ponte di Legno, Aurelia Sandrini, ha sottolineato: “In questa giornata celebriamo i caduto di tutte le guerre, ma anche l’abolizione dei confini”. Dopo i saluti, il corteo fino al Sacrario e onori ai Caduti e la conclusione con il rancio alpino alla caserma Tonolini.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136