Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Treviglio: fugge dal Pronto Soccorso con l’ambulanza, bloccata dai carabinieri

giovedì, 19 novembre 2020

Treviglio – A Treviglio fugge dal Pronto Soccorso con l’ambulanza, bloccata dai carabinieri. Ieri notte, i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Treviglio hanno denunciato per il reato di furto aggravato R.C., 23enne, di Verdello che poco prima aveva rubato un’ambulanza della Croce Rossa in sosta al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Treviglio.

Poco dopo la mezzanotte una donna uscita dal pronto soccorso di Treviglio è salita a bordo di un’ambulanza con le chiavi inserite nel cruscotto, mettendola in moto per tornarsene a casa. Il personale sanitario ha subito allertato il 112 per segnalare l’accaduto, così l’operatore della Centrale operativa dei Carabinieri di Treviglio ha inviato  le pattuglie in servizio, impiegate nei servizi di controllo  per il contenimento della diffusione del covid19, per intercettare il veicolo, avvalendosi anche del sistema di tracciamento gps di cui è dotata l’ambulanza. Pochi minuti dopo, il veicolo ha raggiunto Arcene dove l’equipaggio della Sezione Radiomobile in servizio di pronto intervento lo ha intercettato, bloccandolo in via Matteotti.

Dagli accertamenti successivi è emerso che la stessa persona nel pomeriggio aveva litigato con i vicini per futili motivi, rompendo loro il parabrezza dell’auto con un bastone, rendendo necessario l’intervento dei carabinieri della locale stazione per riportarla alla calma.

La donna, che dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria del reato di furto aggravato, perché commesso ai danni di veicolo utilizzato per il soccorso pubblico d’urgenza, ha motivato il gesto con l’impossibilità di poter usufruire di un servizio taxi che la riportasse a casa.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136