Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, sicurezza in piazza Dante: focus al Commissariato del Governo dopo l’aggressione a Brumotti

martedì, 10 novembre 2020

Trento – Focus sul tema della sicurezza in Piazza Dante oggi al Comitato per l’ordine pubblico convocato dal Commissario del Governo per la tarda mattinata. A chiederlo è il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti dopo gli episodi di ieri portati alla ribalta dalla trasmissione televisiva Striscia la notizia. “Consapevoli di tutti gli sforzi fatti negli ultimi mesi da parte delle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno, non possiamo permetterci di abbassare la guardia – spiega il presidente – a maggior ragione in periodi come questo. Bisogna unire le forze e contrastare da subito i tentativi di chi viola la legge approfittando di una situazione generale che da mesi da mettendo a dura propria ciascun comparto della nostra società. Lo dobbiamo ai nostri cittadini, a chi lavora, a chi deve poter continuare a guardare con fiducia alle istituzioni che stanno chiedendo a tutti un surplus di responsabilità, per il bene di ciascuno.

AGGRESSIONE A BRUMOTTI DI STRISCIA LA NOTIZIA, CONDANNA DI IANESELLI

“Non è tollerabile quello che è accaduto due giorni fa in piazza Dante. Non è ammissibile l’arroganza di chi delinque né l’occupazione del territorio per attività illecite. Nonostante le difficoltà e l’inadeguatezza degli strumenti legislativi, si deve fare di più e meglio, sia per contrastare lo spaccio sia per agire sul versante della tossicodipendenza, tema a cui in questi anni non è stata prestata l’adeguata attenzione.

Tre sono le iniziative che questa Amministrazione comunale, insediata da poco più di un mese, ha intenzione di promuovere fin da subito: la prima è quella di intensificare la sorveglianza grazie all’azione coordinata del nucleo civico della polizia locale e delle forze dell’ordine, che ringrazio per il loro impegno in una situazione che è oggettivamente difficile. Abbiamo da subito avviato l’ter per potere contare anche sull’intervento di un’unità cinofila e su un presidio fisso in piazza Dante, che renderanno costante e più efficace l’attività di vigilanza.

La seconda iniziativa da promuovere è il lavoro in rete tra le istituzioni, dunque Comune e Commissariato di Governo, ma anche Provincia e Regione, le cui sedi si affacciano proprio su piazza Dante. Infine occorre agire subito sui consumatori di sostanze, che sono anche membri della nostra comunità. Le loro famiglie non possono essere lasciate sole a combattere la battaglia contro la tossicodipendenza.

Un’ultima considerazione: in questo periodo in cui il disagio sociale rischia di allargarsi a causa della pandemia, è più che mai necessario mettere in campo tutti gli strumenti, ordinari e straordinari, per sottrarre terreno all’emarginazione sociale. Perché sappiamo che è in questo bacino che la criminalità prospera e arruola la sua manovalanza”, il commento del sindaco di Trento, Franco Ianeselli.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136