Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento: i carabinieri individuano gli autori di tre rapine

sabato, 5 settembre 2020

Trento – I carabinieri individuano gli autori di tre rapine. Intenso lavoro per i carabinieri di Trento, impegnati a ricercare gli autori di tre rapine ad altrettanti esserci commerciali.

carabinieri trentoPresso il PAM di via Trener a Trento, un uomo ha rubato alcuni profumi e per scappare ha reagito al tentativo di blocco, posto in atto dai commessi, quindi presso l’OVS di via Pergher, con analogo modus operandi, un soggetto si è impossessato di alcuni capi di vestiario ed infine intorno, poco prima delle chiusura del negozio “Pittarello” di via Brennero, è scattato l’ennesimo allarme rapina.

I militari sono prontamente intervenuti su tutti e tre gli eventi e in base alla raccolta degli indizi lasciati dal fuggiasco – per le prime due rapine – all’esito degli iniziali accertamenti speditivi, sono riusciti a individuare e denunciare a piede libero l’autore, un 35enne marocchino, già noto alle forze di polizia. Infatti, in occasione del secondo reato, le pattuglie in circuito, tutte già attivate alla ricerca del rapinatore di via Trener, si sono portate rapidamente in via Pergher, costringendo il reo a fuggire, lasciando lo zaino nella via dietro al negozio e allontanarsi velocemente in sella a una bicicletta.

I carabinieri hanno subito controllato il contenuto della sacca, rinvenendo i profumi e le felpe appena rubati nonché una tessera sbiadita, di un 35enne magrebino, che rispondeva alla descrizione fornita dalle vittime, quale autore dei due reati e è poi stato riconosciuto.

Invece nel terzo caso, l’autore, nordafricano e non travisato, dopo essersi impossessato di un paio di scarpe, di esiguo valore, ha incontrato la ferma reazione di un addetto alla sicurezza, che sebbene insistentemente spintonato e colpito al volto, è riuscito a ritardare la sua fuga, sino all’arrivo della pattuglia dei Carabinieri, prontamente allertata dalle cassiere. L‘uomo, un 29enne tunisino, già noto alle F.P. per reati contro il patrimonio, è stato definitivamente bloccato dai militari e condotto in caserma per le formalità di rito, conclusesi con l’arresto per tentata rapina.

L’arrestato è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di Trento, a disposizione dell’autorità giudiziaria, che ha disposto la direttissima per la mattinata odierna, durante la quale è stato convalido l’arresto, con immediata traduzione del rapinatore presso il carcere di Spini.

La Compagnia Carabinieri di Trento, come tutte quelle del Trentino, in queste settimane di fine estate, stanno impegnando decine di pattuglie al giorno, per monitorare i movimenti di mezzi e persone e proseguire, senza soluzione di continuità, la mission istituzionale per la tutela della sicurezza pubblica e neutralizzare anche gli attacchi della criminalità predatoria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136