Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Tragedia alla gara Malegno-Borno, si apre la causa per il risarcimento

giovedì, 19 settembre 2019

Malegno – Nella primavera del 2020 si concluderà il processo per la morte del commissario di gara Mauro Firmo e il ferimento di un suo collega, Davide Foroni, che vede tre imputati: Francesco Tartamella, direttore di gara, Francesco Bellingeri, delegato all’allestimento del percorso e Sergio Sensi, ispettore della sicurezza. Tutti e tre devono rispondere di omicidio colposo davanti al giudice del tribunale di Brescia, Angela Corvi.

tribunale BresciaNell’ultima udienza – la terza dall’apertura del processo – sono stati sentiti altri testi e consulenti di parte sulla drammatica mattinata del 29 luglio di due anni fa: la Peugeot 206 condotta da Cristian Furloni uscì di strada, falciò e uccise Mauro Firmo, commissario di gara. Le indagini erano state condotte dalla Polizia stradale di Darfo, che hanno ricostruitonei dettagli l’incidente.

Il giudice sentirà nell’udienza del 4 marzo 2020 altri testi, poi sarò avviata la discussione e l’accusa condotta dal sostituto procuratore Paolo Mandurino avanzerà le eventuali richieste di condanna.

Ora si apre anche il processo civile con l’istanza avanzata da Davide Foroni per ottenere un risarcimento danni. La causa è nei confronti di Aci Brescia e Allianz Assicurazione. Quest’ultimi sostengono che c’è un concorso di colpa, perché il commissario Foroni non doveva trovarsi in quella zona, dove si è verificato l’incidente mortale. I tempi – anche nella causa civile – saranno lunghi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136